Casamonica. Rioccupata villa già sequestrata. Salvini: “La pacchia è finita”

Infrange i sigilli e occupa nuovamente una villa a Porta Furba già sequestrata a luglio ai Casamonica. Scoperta oggi dai carabinieri e denunciata la diciannovenne fidanzata del figlio di Giuseppe Casamonica. Salvini: "La pacchia è finita!".

Solo di qualche settimana fa è la notizia dello sgombero di otto villette abusive dei Casamonica al Quadraro. Ed emblematica, di quella operazione, è rimasta l’immagine delle ruspe, con cui queste ville sono state rase al suolo. Ville sfarzose, in cui i luccicanti soprammobili d’oro, manco a dirlo, nascondevano quantità di droga. Soddisfazione, in quella occasione, era stata espressa dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, il quale peraltro aveva voluto guidare lui stesso una delle ruspe, e dalla sindaca di Roma Virginia Raggi. “Mettiamo fine a 30 anni di illegalità”, aveva dichiarato proprio la Raggi, parlando anche di giornata storica. E di territorio riconquistato dallo Stato aveva parlato invece il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, rivendicando anche l’impegno “a contrastare millimetro per millimetro l’illegalità”.

Era il 20 novembre. Ma questo in realtà è stato solo il fatto più eclatante. Perché già l’estate scorsa alcune ville erano state sequestrate alla nota famiglia mafiosa romana. In particolare una a Porta Furba, che nell’ambito dell’operazione “Gramigna” era stata confiscata e liberata dai carabinieri del Nucleo operativo di Frascati il 17 luglio, per poi essere affidata all’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati. Proprio quest’ultima è tornata oggi sotto i riflettori. Infatti, i Carabinieri della stazione di Roma Tuscolana, insieme ai colleghi della compagnia di piazza Dante, hanno scoperto oggi durante un’attività investigativa in zona, che la villa di Porta Furba era nuovamente stata occupata. Ad aver violato i sigilli e divelto la serratura è stata una ragazza diciannovenne, fidanzata del figlio di Giuseppe Casamonica, proprietario dell’immobile in questione. La giovane è stata quindi denunciata per occupazione abusiva di stabile confiscato.

La sindaca Raggi affida ad un hashtag, “#NonAbbassiamoLoSguardo”, il sostegno di Roma Capitale all’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati: “Inaccettabile l’occupazione del loro stabile da parte dei Casamonica – scrive su Twitter – . Grazie ai Carabinieri per l’intervento. Istituzioni unite per la legalità”. E anche il ministro Salvini commenta la vicenda su Twitter, anche lui con un hashtag, “#lamafiamifaschifo”, e aggiunge: “Roba da matti – ha twittato – Una donna del clan Casamonica rompe i sigilli, sfonda e rioccupa. Sgomberata, di nuovo. Toglietevelo dalla testa: la legalità vince, la pacchia è finita!”.

Continua, insomma, l’attenzione delle Istituzioni e delle forze dell’ordine su tutto ciò che riguarda la mafia e l’illegalità. Lo stesso Salvini, infatti, domenica scorsa, ospite di Lucia Annunziata a “Mezz’ora in più” su Rai3, ha rivendicato i 3 miliardi di beni sequestrati quest’anno, e ha annunciato che “altri beni dei Casamonica saranno sequestrati e abbattuti”, invitando la famiglia romana a cambiare “mestiere o paese, perché di certa gente non abbiamo bisogno”. (L’UNICO)

Francesco Amato