Chef Rubio, Ideo-ta. Nipote “sinistro” di idio-Zia

"Una volta si diceva ai bambini che non si mangia davanti alla televisione, adesso addirittura ci si cucina dentro"

di Riccardo Corsetto

Riccardo Corsetto – segretario sezione Lega Ponte Milvio

Caro Chef Rubio, non so chi sei e non mi interessa approfondire. Conosco Sandro Veronesi che vorrebbe spaccare i denti ai salvinisti, ma siccome lo conosco non ci spendo parole. Mi dicono che sei una specie di cuoco televisivo, genere che detesto, perché in Italia 6 milioni di italiani fanno fatica a fare la spesa mentre in tv certa gente come te viene pagata per disperdere il vero valore culturale della cucina e per saziare una certa fame di gastronomia “feticcio”, fatta di vanità esteriore e di esibizionismo culinario destinato a offendere e distruggere una cultura anziché proteggerla. Quelli come te offendono quotidianamente coloro che fa faticano a comprare carne e pesce al supermercato e faticano a mettere il pranzo con la cena. Lo dico da anti-pauperista, molto poco marxista, e che si guarda bene dalla banale compassione per i “poveri”, nutrendo al massimo una umana molto umana pieatas cristiana. Ingrediente necessario nel mondo che mi hanno insegnato. Un ingrediente che non può esistere nella tua cucina. Una volta si diceva ai bambini che non si mangia davanti alla televisione,  adesso addirittura ci si cucina dentro.

Perché i manifestanti non sono stati pestati come l’uva? Il post choc di chef Rubio

Chiudo questa premessa per soffermarmi sulle tue parole affidate ai social, che mi hanno fatto accorgere di te. Ti lamenti, dunque, delle spernacchiate che hai ricevuto dal popolo social-sovranista scrivendo che “Se fai il cuoco, lavori in tv, e non sopporti le disparità di trattamento, se odi le ingiustizie e la violenza, se hai studiato storia e non vuoi che si ripetano certe cose, in Italia non puoi dire la tua. Pensare e dissentire sono cose che fanno perdere cittadinanza e diritti”.

La verità caro Rubio, è che forse hai studiato storia sui libri dei peggiori vincitori, ma non leggi la cronaca quotidiana. Ti aiuto a comprendere: non sei stato spernacchiato perché hai detto la tua, ma solo perché hai scritto una boiata immane. Una di quelle cagate pazzesche che nemmeno un minus habens avrebbe potuto concepire, giacché sprovvisto della necessaria idiozia ideologica. Chiamala ideozia. Analizziamo insieme, seguimi, chef delle mie televisioni, so che forse non puoi farcela ma proviamo, rileggi bene cosa hai scritto: Perché nessuno è stato pestato come l’uva dalla Polizia?

Il post dello Chef Rubio, finito sotto accusa sui social

C’ero io in piazza, alla manifestazione sovranista, e almeno altre 50 mila persone. Sai perché la polizia non ha menato le mani come a volte succede alle manifestazioni della sinistra, dei black block o dei centri sociali? Perché in piazza c’erano giovani per bene che hanno avuto esempio dai genitori che il pensiero si manifesta energicamente ma pacificamente; c’erano poi signori più anziani con i nipoti per mano e il tricolore sulle spalle. C’erano l’Italia per bene, che non sfascia le vetrine perché non sa nemmeno buttare un volantino per terra. Ecco perché, caro Chef Rubio, la polizia non ha picchiato me e mio padre e mio nipote e tutti i sovranisti scesi in piazza. E’ davvero sciocco che ti appelli al tuo diritto di dire, di esprimerti, di proferire parola. Il diritto di espressione è certamente un diritto inalienabile, ma è garantito dal diritto contrario di essere smentito. Altrimenti il tuo diritto diventa dittatura per altri. Tu hai certamente diritto di dire stronzate, anche molto grosse, come questa sui poliziotti che non hanno picchiato me e mio padre e altre 50 mila persone che sfilavano pacificamente. Anche perché poi non è questo che preoccupa. Non certo i tuoi post distorti e surreali. Ispirati alla ideo-zia. La zia degli idioti. Preoccupa l’incapacità piuttosto di non comprendere la differenza che passa tra un pacifico manifestante col volto scoperto che sfila col nipotino per mano, e un criminale col volto coperto che per mano porta la spranga. Questo preoccupa Rubio. Pavido chef semi freddo e semi – sconosciuto. E’ per questo che sei stato spernacchiato sui social. Non piangere e conta quanti eravamo. Ideo-ta. Nipote “sinistro” di idio-Zia. Il vero guaio della tua sinistra è che avete perso il ricordo di Gramsci. Non siete più nemmeno figli dell’ideologia ma nipoti di Ideo-ZIA.