Ericsson. Protesta dei dipendenti a Montecitorio contro il ridimensionamento dell’occupazione

I dipendenti di Ericsson in piazza contro il significativo ridimensionamento dell’occupazione in Italia.

“I dipendenti di Ericsson hanno manifestato oggi in piazza di Montecitorio per protestare contro la politica aziendale che ha come obiettivo un ridimensionamento significativo dell’occupazione all’interno del nostro Paese”. È quanto dichiara in una nota Stefano Conti, Segretario Generale dell’UGL Telecomunicazioni.

“Purtroppo la vicenda Ericsson è particolarmente emblematica riguardo le dinamiche di un mercato che vede la volontà delle multinazionali prevalere sulle necessità di carattere sociale che dovrebbero caratterizzare le politiche di ogni governo. E anche sulla politica dell’Unione Europea – continua Conti –, più attenta ad applicare norme e regolamenti cavillosi e inutili, c’è da chiedersi cosa faccia per contrastare politiche distorte come la delocalizzazione che proprio Ericsson ha messo in atto”.

“La realtà è che le volontà dei popoli – dichiara in conclusione – possono ancora prevalere sulle volontà delle oligarchie finanziarie pronte a saccheggiare e a impoverire qualsiasi contesto sociale pur di ingrassare le proprie tasche”. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti