Tra gusto e arte: via alla seconda edizione di Spaghetti&Cinema

Al centro del progetto una serie di incontri dedicati alla valorizzazione dei prodotti tipici e dei sapori dei nostri territori insieme alle immagini e alle storie del cinema.

0
30

Al via la seconda edizione di Spaghetti&Cinema, a scuola di gusto con immagini e ricette, progetto per le scuole promosso dalla Regione Lazio con ARSIAL Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio, è curato dal Progetto ABC Arte Bellezza Cultura in collaborazione con Roma Capitale e con Roma Lazio Film Commission.

Si comincia il 29 novembre, allo ore 10 alla Ludoteca Technotown nella splendida villa Torlonia, con un incontro formativo riservato ai docenti alla presenza dell’attore Vinicio Marchioni, protagonista di numerosi successi e ristoratore per passione, Fabio Ferzetti, giornalista e critico cinematografico Luigi Nastri, chef dall’approccio minimalista con una chiara matrice mediterranea con grandi influenze internazionali .
L’incontro è condotto dalla giornalista e critica cinematografica Laura Delli Colli, presidente dei Giornalisti Cinematografici Italiani. Appassionata di cucina e cronista da quasi quindici anni di un fortunato filone di inchiesta e approfondimento sul tema del gusto è autrice della serie editoriale – Pane, film e fantasia. Il gusto del cinema italiano – a cui il progetto si ispira e prende le mosse.
Saranno presenti inoltre Antonio Rosati, amministratore unico di Arsial e Giovanna Pugliese, coordinatore del Progetto ABC.
I tre i film selezionati quest’anno che saranno al centro delle iniziative sono: Miseria e nobiltà di Mario Mattoli (1954), Lezioni di cioccolata di Claudio Cupellini (2007), Amore, cucina e curry di Lasse Hallström (2015).
“I film nati dall’incontro tra cinema e gusto – ha dichiarato Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio – sono uno strumento straordinario per creare conoscenza e per favorire il processo di formazione delle giovani generazioni sulle nostre tradizioni enogastronomiche come elementi fondamentali di socialità, di incontro e di stile di vita. Continueremo – prosegue Zingaretti – a tenere aperta questa importante finestra, coinvolgendo ancora i ragazzi – anche attraverso nuovi strumenti – in una riflessione comune sul tempo che viviamo, sulla nostra storia, sulle identità e bellezze del nostro territorio.”

Scopo del progetto è quello di approfondire, con i temi generali, alcuni obiettivi particolarmente legati alla qualità dei prodotti, seguendo una linea di approfondimento delle tradizioni culinarie del territorio. Nei film scelti, oltre al rapporto con il ‘saper fare’ e la sua trasmissione di generazione in generazione, si analizzerà anche il tema del rapporto con la propria cultura gastronomica, delle radici da non dimenticare anche nell’innovazione, ma anche la cucina ‘povera’ e l’attenzione a non sprecare e il senso della solidarietà, anche tra etnie lontane tra loro, attraverso un percorso che unisca il valore di esperienze diverse, non solo culinarie ma di vita quotidiana.

 

Lascia un commento

commenti