Lega Rieti, Calisse presidente Provincia passa con Salvini

Ad annunciarlo davanti al pubblico della tre-giorni leghista di Magliano Sabina sono stati il senatore Umberto Fusco e il coordinatore provinciale Paolo Mattei. Il sottosegretario Claudio Durigon, in collegamento telefonico, ha richiamato la mobilitazione nazionale per il ritorno alle urne, prevista a Roma il 19 ottobre

Si è chiusa la tre-giorni della Lega a Magliano Sabina, con il partito di Matteo Salvini che si espande. Mariano Calisse, presidente della Provincia di Rieti, è passato al partito di Matteo Salvini. Lo ha annunciato il senatore e vicecoordinatore del Lazio, Umberto Fusco, durante la festa leghista di Magliano, alla presenza di altri esponenti nazionali e locali: oltre Fusco, l’eurodeputata Cinzia Bonfrisco, il senatore William De Vecchis, il coordinatore giovani Lazio, Marco Pietrandrea e il coordinatore provinciale di Rieti, Paolo Mattei e diversi sindaci e amministratori locali.

Da sinistra: Alessandra Bufalo (coordinatrice Lega Magliano Sabina); Riccardo Corsetto (Capogruppo consiliare Magliano Sabina); Cinzia Bonfrisco (Eurodeputata); Gianni Montini (Consigliere Lega Magliano Sabina); Umberto Fusco (Senatore e vicecoordinatore Lega Lazio); Paolo Mattei (Coordinatore Lega Provincia di Rieti)

Mariano Calisse, eletto a ottobre 2018, era stato sostenuto da Fratelli d’Italia, Forza Italia e Direzione Italia con il 53% dei consensi. Ieri sera, primo settembre, l’annuncio pubblico alla Festa Lega di Magliano Sabina. Calisse batté il presidente uscente di centrosinistra, Carmine Rinaldi, consentendo al centro destra di tornare a governare dopo 25 anni.

Già sindaco di Borgorose, 36 anni, il giovane amministratore – che vive in sedia a rotelle – ha raccontato la sua vita nel libro “In capo al Mondo”. «Sentivo di dover ripagare tutti per quanto avevano sofferto per me. Da lì ho ricominciato. Ho cercato di dare il massimo, di ritagliarmi le mie soddisfazioni».

“E’ una bella notizia – dice a L’Unico, Riccardo Corsetto, capogruppo consiliare Lega di Magliano Sabina. “C’è soddisfazione nel vedere come il radicamento nel reatino e in Sabina stia procedendo a gonfie vele. Calisse è un esperto amministratore, la cui collaborazione sarà preziosa per i cittadini della provincia e naturalmente per il nostro gruppo consiliare a Magliano. Grandi meriti vanno al senatore Fusco, sempre presente, e Paolo Mattei che sta facendo un grande lavoro di coordinamento.

Atteso anche Claudio Durigon, il Sottosegretario al Lavoro, sindacalista di lungo corso, “papà” della riforma pensionistica, Quota100, impegnato però in Puglia. Mattei, che con Durigon condivide la provenienza dalle fila dell’UGL, lo fa intervenire telefonicamente. Sei minuti di passaggio sulla crisi nazionale e quindi il richiamo alla mobilitazione del 19 ottobre che i leghisti stanno preparando per chiedere al Capo dello Stato, Mattarella, il ritorno al voto. Il 15 settembre, invece, c’è il consueto appuntamento annuale di Pontida, e poi, a fine, settembre gazebi in tutti i territori.

Inno d’Italia immancabile in chiusura. In piedi, tra il pubblico, mano sul cuore, c’è anche Nicola De Felice, Ammiraglio di divisione della Marina Militare che da tempo sostiene la politica di Salvini. “Su ONG e migranti” dichiara alla stampa che “Matteo ha straragione”. Per l’ammiraglio, da poco in pensione, che dalla base di Augusta comandava la divisione Marisicilia fino a dicembre scorso, ci vuole “un’operazione multinazionale con blocco navale davanti alle coste libiche e tunisine.” Il modo più efficace – secondo lui – per fermare il traffico di esseri umani. (L’UNICO)

Francesco Amato