Mission Bambini, parte nelle piazze la raccolta fondi “Cuore di bimbi”

I fondi raccolti serviranno ad operare 131 bambini nati con una grave cardiopatia in un Paese povero, dove non hanno accesso alle cure per mancanza di medici specializzati e ospedali

0
49

Nel 2005 la Fondazione Mission Bambini ha dato vita al progetto “Cuore di bimbi”, con l’obiettivo di salvare i bambini gravemente cardiopatici che vivono nei Paesi più poveri (800.000 nuovi nati ogni anno). Bambini che non hanno la possibilità di essere curati, perché nel loro Paese mancano medici in grado di eseguire le operazioni e ospedali adeguatamente attrezzati. Per questo è necessario l’intervento della Fondazione, che organizza missioni all’estero di medici italiani volontari oppure viaggi della speranza in Italia. Fino ad ora grazie a “Cuore di bimbi” sono stati operati e salvati 1.667 bambini, più di 13.000 bambini sono stati visitati e hanno avuto una diagnosi corretta, centinaia di medici locali sono stati formati dagli specialisti italiani.
Durante il 2017 nell’ambito del progetto “Cuore di bimbi” Mission Bambini sosterrà interventi nei seguenti Paesi: Birmania, Eritrea, Kenya, Romania, Somalia, Uganda, Uzbekistan, Zambia e Zimbabwe. L’obiettivo è operare e salvare complessivamente 131 bambini, visitarne 729 e formare 77 medici locali. I medici italiani che come volontari partecipano alle missioni all’estero per operare i casi più urgenti o più complessi, lavorano in Italia nei reparti di cardiochirurgia pediatrica di importanti ospedali, come ad esempio l’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano, l’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’Ospedale del Cuore G. Pasquinucci di Massa.

Come ogni anno, in prossimità del Natale, i volontari di Mission Bambini saranno nelle piazze per raccogliere fondi a sostegno del progetto “Cuore di bimbi” offrendo in cambio di una donazione il panettoncino “soffice cuore”con gocce di cioccolato, o il braccialetto in pizzo macramè “Heart beat” realizzato in esclusiva da Cruciani C per la Fondazione. L’appuntamento è per sabato 3 e domenica 4 dicembre: l’elenco delle piazze è consultabile sul sito missionbambini.org. In più quest’anno alle piazze reali si aggiunge una piazza “virtuale”: in concomitanza con l’evento nazionale Mission Bambini lancerà la campagna di crowdfunding “Give the beat”. Grazie all’aiuto di alcuni volontari e amici della Fondazione, tra cui anche il medico volontario Dr. Stefano Marianeschi dell’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano e il testimonial Max Pisu, sarà possibile seguire in diretta una delle missioni dei medici volontari e partecipare attivamente con una donazione per salvare i 20 bambini più gravi. Per tutti coloro che effettueranno una donazione sulla piattaforma di crowdfunding, sono previste delle sorprese.

Lascia un commento

commenti