Muore Niki Lauda, leggenda della Formula 1: aveva 70 anni

La Formula 1 ha perso una delle sue leggende: Niki Lauda è deceduto ieri in una clinica svizzera, all’età di 70 anni.

“Con profondo dolore annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente circondato dalla sua famiglia lunedì 20 maggio 2019. I suoi successi unici come sportivo e imprenditore sono e rimarranno indimenticabili”. Queste le parole dei suoi familiari che tramite questo comunicato hanno annunciato la scomparsa dell’ex campione austriaco.

Nato nel 1949 a Vienna, ha vinto tre titoli mondiali, di cui due con la Ferrari nel 1975 e 1977 mentre il terzo lo ha vinto con la Mclaren nel 1984. Soprannominato il computer per la capacità di individuare ogni minimo difetto della sua monoposto è stato memore di numerose imprese sportive, ma anche di alcuni eventi drammatici, fra cui l’incidente del 1976 sul circuito di Nurburgring, in Germania, che gli ha sfigurato il volto per sempre.

Ma l’amore di Niki Lauda per la Formula 1 lo ha fatto ritornare in pista: “La macchina si guida con il sedere, non con la faccia”. Una frase del campione austriaco che gli sportivi non dimenticheranno mai.

Tuttavia le inalazioni dei velenosi fumi di benzina del triste incidente del 1976 sembrano aver compromesso la funzionalità dei suoi polmoni. Nel 2018, infatti, ha dovuto sottoporsi a un trapianto di polmoni. A causa di complicazioni ai reni, era stato trasferito in un centro di riabilitazione per una dialisi alla vigilia del suo decesso.

Ciao Niki.

Stefano Mastrillo