No ai giocattoli contraffatti. Forza Italia lancia l’hashtag #conlasalutenonsischerza

Acquistare giocattoli non contrassegnati dal marchio CE, solo perché costano poco, potrebbe essere dannoso per la salute dei bambini. Il gruppo parlamentare di Forza Italia, con il deputato Roberto Novelli capofila, lancia una campagna di sensibilizzazione per spiegare l'importanza di acquistare giocattoli sicuri per tutelare l'incolumità dei più piccoli

La salute dei bambini dipende anche dai loro giocattoli, e la disinformazione può provocare danni irreversibili quando un’ innocente bambolina piena di accessori, acquistata in un bazar che vende di tutto a basso prezzo, potrebbe trasformarsi in una minaccia. Si tratta di tutti quei prodotti distribuiti in quantità industriale, non contrassegnati da un marchio di garanzia, che non rispondono alle norme di sicurezza studiate per tutelare l’incolumità dei più piccoli. Tra il 2012 e il 2016 sono stati sequestrati 251 milioni di giocattoli, e solo nel 2017 sono stati registrati 18 milioni di sequestri, saliti a 35 milioni nell’ultimo anno.  I danni che possono causare sono concreti: intossicazione, ferite, e soffocamento per  ingerimento di piccole parti. Non tutti se ne rendono conto, ma un giocattolo studiato appositamente per un bambino non può limitarsi a essere colorato e accattivante, ma deve rispondere a requisiti ben precisi di manifattura in modo che non diventi pericoloso. Al netto di questi dati, nasce l’esigenza di una sempre più diffusa sensibilizzazione, ed è stato il gruppo parlamentare di Forza Italia, con l’onorevole Roberto Novelli in prima linea, a creare l’hashtag #conlasalutenonsigioca, presentando il progetto alla Camera dei deputati alla presenza del capogruppo Maria Stella Gelmini.

 On. Roberto Novelli

L’iniziativa parte dalla consapevolezza che sul mercato  italiano, ma anche su quello europeo, c’è un’immissione abnorme di giocattoli non sono conformi alle normative – spiega il deputato Novelli – I numeri dei sequestri sono paurosi, c’è una diffusione non controllata, e purtroppo una scarsa informazione a riguardo. Come forza politica riteniamo giusto lavorare appunto su informazione e sensibilizzazione, invitando i genitori ad assicurarsi che i giocattoli che acquistano per i propri figli siano contrassegnati dal marchio CE dell’Unione europea, che è una garanzia di sicurezza”. A ciò si aggiunge anche un fattore puramente economico, laddove acquistando merci che non portano soldi in Italia, si contribuisce a impoverirne il mercato, e infatti l’ultimo calo finanziario registrato è pari al 15%, che corrisponde a una perdita di 201 milioni. La proposta di Forza Italia in Parlamento è quella di agire in più direzioni:  potenziare il sistema di vigilanza a livello nazionale, sia in fase di produzione che di distribuzione dei giocattoli, adottare misure efficaci per il contrasto alla contraffazione e al commercio online incontrollato, e una campagna di sensibilizzazione costante verso le famiglie affinché conoscano i rischi che si corrono nell’acquistare un giocattolo che costa poco ma non è sicuro.

Lara Morano