Rieti, presidente Calisse passa alla Lega. Mattei: “Un motivo di orgoglio”

Mariano Calisse, presidente della provincia di Rieti, ha abbracciato la politica della Lega Salvini Premier. Ne avevamo già scritto alcuni giorni fa, ma ora la notizia è stata ufficializzata da una nota del coordinatore provinciale della Lega, Paolo Mattei, che considera l’adesione di Calisse alla Lega “un motivo di orgoglio e di grande valore, ed un segnale di riconoscimento dell’azione positiva che stiamo svolgendo all’interno della nostra provincia”. Infatti, “il presidente Mariano Calisse ha sempre qualificato e vissuto la sua azione politica, già come sindaco di Borgorose, con grande umiltà, competenza e spirito di sevizio, e con un’attenzione diligente ed intelligente nei confronti del cittadino, dando sempre priorità a tutte quelle cause di disagio che emergono nei territori”, spiega Mattei.

“Questi sono alcuni dei presupposti patrimonio del nostro partito – aggiunge –. Insieme dobbiamo consolidare la presenza e i valori del centrodestra in questa nostra provincia per vincere le nuove sfide che il futuro ci offrirà. Dobbiamo sostenere con rinnovato e fattivo impegno il comune capoluogo e la provincia, nonché tutte le realtà locali dove siamo presenti ed  quelle dove inizieremo a lavorare in maniera convinta per vincere le nuove sfide elettorali”.

In particolare, scrive ancora Mattei, “metteremo in funzione azioni e comportamenti per il rafforzamento dell’azione amministrativa della Provincia e del Comune di Rieti, sostenendo lealmente e correttamente l’azione del sindaco Cicchetti. La Lega continua il suo percorso organizzativo e di radicamento nel territorio reatino, attraverso un processo sempre più articolato, moderno e propositivo, rimanendo attenta a tutte quelle realtà sociali vive e produttive che qualificano la nostra provincia e che faticano ad avere una adeguata rappresentanza”.

“Caro Mariano – scrive in conclusione, rivolgendosi a Calisse –, insieme dobbiamo avere l’ambizione di dare un contributo importante e significativo per ridare la dignità che meritano i nostri cittadini, messi ai margini della politica regionale e nazionale scellerata di questa sinistra, nonché dalle precedenti  amministrazioni del  comunale di Rieti e quella della Provincia”.