San Raffaele, Aurigemma (FI): “Zingaretti mette in strada i bambini”

Chiude la riabilitazione pediatrica del S. Raffaele. Il capogruppo di Forza Italia Aurigemma protesta.

0
33

(L’UNICO) – “Oggi il reparto di riabilitazione pediatrica del San Raffaele Pisana chiude, e centinaia di bambini e le loro famiglie restano nella totale incertezza. Questa mattina, al freddo e al gelo, i genitori si sono recati sotto gli uffici della Regione per cercare di avere finalmente risposte”. È quanto si legge in una nota del Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio e vice presidente della Commissione Salute, Antonello Aurigemma.

“Si è giunti a questo punto – prosegue – anche in tale occasione, per l’inadeguatezza gestionale del presidente Zingaretti, visto che da mesi i genitori hanno scritto e chiesto risposte, che dalla Regione non sono mai arrivate. Per di più il Lazio è l’unica regione a non essersi adeguata al protocollo Stato Regioni sulla disabilità. Le rassicurazioni di facciata e le tante parole dell’attuale amministrazione, anche stavolta non hanno portato a nulla, anzi si rischia di svilire un altro fiore all’occhiello della nostra sanità. Peraltro, l’azienda ha già attivato le procedure di mobilità per il personale. Ora non chiediamo a Zingaretti “addirittura” di trovare una soluzione immediata, ma almeno per rispetto ed educazione ascolti oggi le famiglie che si trovano sotto i suoi uffici e magari, se proprio deve prendere impegni, questa volta cerchi di rispettarli ed eviti ulteriori prese in giro e perdite di tempo.”

“Con Zingaretti – si legge in conclusione – la sanità va a pezzi. E questa, purtroppo, è l’ennesima prova d’inefficienza che ricade sulla pelle dei cittadini.”

Lascia un commento

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteRoma, tornano i centurioni nel centro storico. Scaduto il divieto
Articolo successivoFrancesco Venezia al MAXXI: Conversazioni d’Autore
Nato a Polistena (RC) nel 1987, ha conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l’università di Roma Tre. Le sue passioni sono la lettura, il cinema, i videogiochi e i fumetti. Ha iniziato a scrivere racconti fin dal liceo per un forte bisogno di comunicare e, allo stesso tempo, di interpretare il suo mondo interiore.