Spaziocima : “L’arte dell’incisione reinterpretata da Laura Stor”

Nell'esposizione "Non solo segno, divagazioni calcografiche" cinquanta opere nelle più svariate declinazioni calcografiche

0
30

“Non solo segno, divagazioni calcografiche”: un viaggio spaziale e temporale attraverso la raffinata tecnica incisoria. Dal 23 al 30 Novembre le opere di Laura Stor invadono lo Spazio Cima in via Ombrone 9, a Roma. Cinquanta opere nelle più svariate declinazioni calcografiche, spaziando dal classico bianco e nero alle suggestioni del colore.

Spaziocima è un nuovo projectspace dedicato agli artisti e a tutte le esperienze dei sensi e dello spirito, dal gusto al fumetto. Nasce a Roma, in uno splendido palazzo del quartiere Coppedé, come spazio polifunzionale, adatto per 12 mesi l’anno ad ospitare ogni genere di evento nel campo dell’arte della comunicazione e dell’immagine.

Le opere dell’esposizione raccontano 35 anni di ricerca e di studio appassionato, quest’ultimo testimoniato dalla ricchezza dei risultati in continuo divenire. Si tratta di opere nate da matrici che possono essere di zinco, rame, legno, linoleum, presspan, plexiglass. Al momento di stampare l’opera si inchiostra la matrice e la si fa passare assieme al foglio fra i rulli del torchio calcografico.

“Ho adottato – spiega l’artista Laura Stor – le più disparate tecniche calcografiche, spesso combinate fra loro, e il soggetto dell’opera è sempre strettamente collegato con la tecnica di realizzazione che scelgo. Questo spiega la varietà di risultati frutto di stimoli sempre diversi. La ricerca costante e personale, nata nei primi anni Ottanta, quando ho scelto l’incisione come mia espressione artistica, continua tuttora.”

“Laura racconta una tecnica antica di secoli – prosegue Roberta Cima, titolare di Spazio Cima – ma lo fa con uno stile tutto suo, fondendo varie tecniche e strumenti. E’ il sapiente frutto della sua storia e del suo vissuto artistico, con quei soggetti sempre concreti ma ripresentati sotto nuovi punti di vista. Domenica 27 novembre sarà in galleria per dare dimostrazioni di stampa al torchio che permetteranno ai partecipanti di avvicinarsi a questa affascinante forma d’arte.”

“Laura Stor – conclude Giulio Massimi, storico dell’arte – pratica, insegna e propaganda l’Incisione. Arte che si esplica attraverso molteplici e delicate operazioni: dalla preparazione della lastra all’esecuzione dell’inciso, direttamente sul metallo o per mezzo di avventurose acidature, per proseguire con l’inchiostrazione e il passaggio tra i rulli del torchio da cui viene alla luce il foglio che porta impressi i segni del sentimento dell’artista. Arte magica e diavolo di una donna!”

Laura Stor nata a Trieste, vive e lavora a Roma. Dopo aver seguito i corsi della Scuola Internazionale di Grafica “Venezia Viva” si dedica ad una appassionata opera di approfondimento e divulgazione delle tecniche incisorie presso il suo laboratorio calcografico “perinciso”. Ha al suo attivo mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Fa parte dell’Associazione Liberi Incisori Luciano de Vita e dell’Associazione Italiana Ex Libris. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti