Anzaldi (PD): una tassa comunale sui cani non sterilizzati

L’emendamento, che ha superato l’esame di ammissibilità, si pone come obiettivo quello di essere una proposta concreta per promuovere la cultura della sterilizzazione.

0
37

I proprietari dei cani non sterilizzati sono tenuti al pagamento di una tassa comunale annuale. Questo è quanto previsto dall’emendamento proposto dal deputato PD, Michele Anzaldi, in occasione della legge di Bilancio. L’emendamento che ha superato l’esame di ammissibilità si pone come obiettivo quello di essere una proposta concreta per promuovere la cultura della sterilizzazione e contrastare il dilagante fenomeno del randagismo che come spiega Anzaldi “rappresenta un problema sentito dal punto di vista etico ed è anche una questione di carattere economico”. EARTH, associazione per la tutela legale di animali e ambiente, esprime pieno consenso nei confronti dell’emendamento. “I cuccioli non desiderati e portati in canile rappresentano un costo ingente per i comuni e quindi anche per i cittadini che pagano per tenerli reclusi. Auspichiamo – prosegue Valentina Coppola, presidente di EARTH – che da un lato ci possa essere una tassa e dall’altro siano previsti degli incentivi economici per la sterilizzazione”. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti