Terremoto. Aurigemma (FI): “Le istituzioni si sveglino”

Il Capogruppo di Forza Italia della Regione Lazio s’impegna al rilancio delle imprese reatine per i lavori di ricostruzione nelle zone terremotate.

0
23

“In merito ai lavori post sisma ritengo che le Istituzioni, in particolare il presidente Zingaretti, si debbano svegliare e cercare concretamente di aiutare le aziende locali a rilanciarsi. A quanto pare sembra avvenire l’opposto. Infatti, la protezione civile nazionale avrebbe indetto una gara per assegnare i lavori di recupero delle macerie.” È quanto dichiara in una nota il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma.

“La ditta aggiudicataria” – prosegue – “a quanto sembra, è un’azienda dell’Emilia Romagna che poi avrebbe dato in subappalto i lavori ad imprese reatine. Certo, per le società sabine, come si dice in questi casi, ‘oltre al danno la beffa’. Noi riteniamo che il governatore debba uscire dal suo immobilismo e debba lavorare per difendere l’economia locale, che già purtroppo è costretta a incontrare gravi difficoltà a seguito del terremoto. Credo che, nel rispetto delle regole, in questa situazione bisognerebbe cercare di incentivare e, dove è possibile, privilegiare le aziende locali che già – lo ripeto – stanno incontrando una pesante crisi.”

“Constatiamo come la regione Lazio sembri essere diventata una succursale dell’Emilia Romagna (basti pensare che il commissario per la ricostruzione è Errani, il subcommissario alla sanità è Bissoni),” – si legge in conclusione – “però in questo caso, e dopo la tragedia di pochi mesi fa, si potrebbe e dovrebbe tutelare molto di più il sistema economico reatino, il suo indotto e chi vi lavora.” (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteMetro Roma, Palozzi (FI): “Solidarietà ai lavoratori.”
Articolo successivoEarth: salvati quattro cani abbandonati in zona La Rustica
Nato a Polistena (RC) nel 1987, ha conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l’università di Roma Tre. Le sue passioni sono la lettura, il cinema, i videogiochi e i fumetti. Ha iniziato a scrivere racconti fin dal liceo per un forte bisogno di comunicare e, allo stesso tempo, di interpretare il suo mondo interiore.