Municipio IX, De Juliis-Cacciotti: “In fumo 1 milione di euro. Gravi responsabilità”

Massimiliano De Juliis, consigliere del municipio Eur di Fratelli d’Italia e Marco Cacciotti, ex presidente del consiglio municipale, denunciano che "a seguito di un'accurata verifica sull’operato dell’amministrazione municipale, è emerso che circa 1 milione di euro, a fronte di 20 milioni, non è stato impiegato per il bilancio dell'anno 2016" dichiarano in una nota

“Come Fratelli d’Italia abbiamo fatto un’accurata verifica sull’operato dell’amministrazione municipale, a guida cinque stelle, ed è emerso che una parte consistente delle risorse di bilancio per l’anno 2016 non sono state impegnate. Si tratta complessivamente di circa un milione di euro a fronte di un bilancio di venti milioni, che non essendo stati spesi sono andati in economia e tornati all’amministrazione centrale”. È quanto dichiarano in una nota Massimiliano De Juliis, consigliere del municipio Eur di Fratelli d’Italia e Marco Cacciotti, ex presidente del consiglio municipale.

“Si tratta di risorse – spiegano De Juliis e Cacciotti – destinate ad interventi di manutenzione del patrimonio pubblico, della sicurezza e vigilanza dei locali municipali (anche in quartieri delicati come il laurentino), alla segnaletica stradale e persino al sociale (assistenza domiciliare e disabilità), tutte risorse irrimediabilmente perse”.

“A questo milione di euro, – proseguono – inoltre, dovranno essere aggiunte ulteriori risorse (pari a circa 200 mila euro) per interventi sulla segnaletica stradale e per iniziative da realizzare nei settori dello sport e della cultura, che seppur impegnati non sono stati spesi entro il 31 dicembre in quanto non sono intervenuti affidamenti per i servizi”.

“Eppure – sottolineano – non mancano sul territorio, situazioni critiche. Tantissime le richieste di cittadini e comitati di quartiere che chiedono interventi per la manutenzione stradale, per il verde pubblico, per la segnaletica stradale, per le scuole dove non si riesce a procedere neanche con le derattizzazioni oppure la riparazione di buche che a volte sono li per mesi. In quest’ultimo caso non c’è solo la mancata manutenzione ma si è arrivati addirittura, con spreco di uomini e risorse, a distogliere i vigili urbani dai loro compiti e costretti invece a pattugliare le buche”.

“La risposta dell’amministrazione pentastellata in questi mesi a chi chiedeva interventi è stata che mancano le risorse, che le precedenti amministrazioni hanno lasciato situazioni disastrose, che il bilancio non lo consentiva, ecc ecc ecc. Questo – dichiarano De Juliis e Cacciotti – è vero solo in parte e l’hanno sfruttato per mettere le mani avanti ad ogni urgenza e necessità, eppure abbiamo la prova, documentata, che risorse preziose non sono state spese per un importo considerevole. E la cosa ancor più grave e che sono risorse che il Municipio perde, non potendo essere impiegate per l’esercizio di bilancio 2017. È una vera e propria doccia fredda per il territorio e allo stesso tempo è l’ulteriore dimostrazione, per chi ancora nutrisse dei dubbi, del livello di incapacità di questi nuovi amministratori”.

“Una parte importante di queste risorse era stata destinata, con il bilancio varato dalla gestione commissariale (tronca), alla esecuzione di interventi in danno di privati colpevoli di illeciti da perseguire, si tratta di interventi volti a rimuovere situazioni caratterizzate da abusi edilizi, degrado e pericolo per la pubblica incolumità a seguito di provvedimenti con cui ne era stato disposto il sequestro giudiziario. Con queste risorse – affermano – il Municipio avrebbe potuto eseguire gli interventi e poi recuperare dal privato in danno quanto speso. Uno di questi casi, per il quale erano destinate le risorse, riguarda la piazza di Largo Jacovitti, dove un costruttore non ha ultimato un’area ad uso pubblico, che ora è pericolosa e ha riempito alcuni locali di rifiuti. L’area è stata sequestrata circa un anno fa e da allora si attende la messa in sicurezza e la rimozione dei rifiuti”.

“Ora invece il danno è triplice – affermano De Juliis e Cacciotti –  perché non ci sono i soldi per perseguire l’illecito, rimane la situazioni di pericolo e degrado e l’amministrazione non potendo agire non potrà recuperare nulla dal privato. In poche parole, non si contrasta l’abuso, anzi lo si tollera, con buona pace della tanto decantata legalità”.

“Hanno avuto ben sei mesi – sottolineano De Juliis e Cacciotti- per programmare e pianificare interventi ordinari, per espletare procedure di gara e affidare lavori e servizi e alla fine il risultato è desolante, perché si perdono risorse di cui il Municipio ha terribilmente bisogno e nel frattempo aumentano le criticità, i disservizi e i danni al patrimonio pubblico”.

“Valuteremo, inoltre, se ci sono i presupposti – concludono De Juliis e Cacciotti – per un esposto alla procura regionale della Corte dei Conti affinché apra un fascicolo sulla vicenda, al fine di valutare la responsabilità del Presidente e della Giunta municipale ed appurare se tale evidente negligenza di programmazione e pianificazione dei servizi possa costituire fonte di danno erariale”.

Sulla questione è inoltre intervenuto il Consigliere di Fratelli d’Italia in Campidoglio, Andrea De Priamo, annunciando la presentazione di una interrogazione urgente al Sindaco per fare chiarezza intorno a queste gravi responsabilità e allo stesso tempo per chiedere che le risorse non impegnate dal Municipio possano essere messe nuovamente a disposizione del territorio.

“È inaccettabile – dichiara De Priamo  – che l’incapacità della giunta ricada sui cittadini, per questo si chiede anche un intervento sostitutivo dell’amministrazione centrale che, come nel caso delle ordinanze in danno, potrebbe agire sostituendosi alla colpevole inerzia del Municipio. La legalità si persegue con i fatti e non con gli slogan. Su questa vicenda andremo avanti con la massima determinazione”. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti