Ama: oltre 18mila euro da raccolta carta per zone sisma

L’iniziativa, promossa da Ama insieme a Roma Capitale ha permesso di devolvere oltre 18mila euro alle aree e alle popolazioni del Centro Italia colpite dal sisma dell’estate scorsa, grazie alla raccolta differenziata della carta fatta dai romani

Oltre 18 mila euro, 18.743,30, per l’esattezza, cioè un euro a tonnellata, è la cifra raggiunta grazie alla raccolta differenziata della carta fatta dai romani e che è destinata alle aree e alle popolazioni del Centro Italia colpite dal sisma dell’estate scorsa. L’iniziativa, promossa da Ama insieme a Roma Capitale, è scattata il primo ottobre e si è conclusa il 31 dicembre 2016. Il denaro ricavato sarà interamente devoluto sul conto corrente Roma adotta Amatrice, aperto da Roma Capitale a favore dei comuni colpiti dal sisma. Intanto fino a martedì 17 gennaio prosegue la raccolta gratuita degli abeti di Natale presso i 14 centri di raccolta dell’azienda.

Il progetto, in collaborazione con l’Assessorato alla Sostenibilità Ambientale e il Comando per la Tutela forestale ambientale e agroalimentare dei Carabinieri, prevede che tutti gli alberi raccolti possano essere restituiti alla natura. Ama infatti provvede, insieme ai Carabinieri, a selezionare gli abeti e a verificare se vi siano le condizioni per ripiantarli. In questo caso, dopo essere stati ricollocati nella la sede distaccata dell’ Arma ad Arcinazzo Romano, saranno destinati ad iniziative di educazione ambientale. Quelli che invece non possono essere salvati saranno portati all’impianto Ama di Maccarese per essere trasformati in compost, materiale utile a concimare le piante in vaso o del giardino.

Ma attenzione a non danneggiare l’abete durante il trasporto: è bene introdurlo in un sacco di plastica aperto anche alla base. Analogo accorgimento, con la differenza del sacco che deve essere integro alla base, deve essere usato per la zolla perché non si frantumi.

Gli alberi artificiali, che sono prodotti con materiali non riciclabili, devono invece essere smaltiti esclusivamente nei centri di raccolta aziendali, evitando di gettarli nei cassonetti.

In calendario anche la prossima giornata di “Il tuo quartiere non è una discarica”, dopo quella di domenica scorsa che ha registrato una raccolta pari a 105 tonnellate di rifiuti ingombranti: l’appuntamento è fissato per domenica 19 febbraio, questa volta nei Municipi dispari della Capitale.

È comunque sempre possibile differire correttamente e in modo gratuito i rifiuti ingombranti: ogni giorno disposizione dei cittadini ci sono altri due canali: i 14 centri di raccolta di Ama, che sono aperti tutti i giorni, e il servizio di ritiro a domicilio al piano strada per i materiali fino a due metri cubi di volume. Questo servizio può essere prenotato allo 060606 oppure compilando l’apposito modulo di richiesta nella sezione Servizi on-line del sito.