“Ambiente e bonifiche”: i temi dell’Assemblea dei geologi del Lazio

All’appuntamento interverranno i rappresentanti di Regione Lazio, Arpa Lazio, ISPRA, Roma Capitale, Università e CNR, per un aggiornamento, nell’ambito della pubblica amministrazione, sulle questioni inerenti la tutela dell’ambiente

L’Ordine dei geologi del Lazio, presieduto da Roberto Troncarelli, terrà martedì 13 dicembre, a partire dalle ore 9:30, presso il Centro Congressi Frentani di Roma, in Via dei Frentani 4, l’Assemblea generale degli iscritti, dedicata quest’anno al tema “Ambiente e bonifiche: norme, metodiche e casi di studio”.
Saranno illustrate le normative, le procedure e le metodologie nella mattinata mentre, nel pomeriggio, si parlerà della strumentazione utilizzata nell’ambito delle bonifiche e saranno descritti casi di studio.

All’appuntamento interverranno i rappresentanti di Regione Lazio, Arpa Lazio, ISPRA, Roma Capitale, Università e CNR, per un aggiornamento, nell’ambito della pubblica amministrazione, sulle questioni inerenti la tutela dell’ambiente .

Inoltre, nel corso dell’Assemblea, saranno consegnati gli attestati di riconoscimento per gli iscritti che hanno fornito il loro contributo volontario nelle fasi emergenziali del recente sisma che ha colpito l’Appennino centrale, le onorificenze ai colleghi per i 40 anni di iscrizione all’Albo e saranno premiati i vincitori del concorso fotografico “Obiettivo geologo. Scatti sull’intervento del geologo nel paesaggio”.

Il dibattito finale potrà fornire l’occasione per fare il punto sui recenti eventi sismici che hanno colpito e devastato il Centro Italia e sull’azione delle istituzioni competenti al fine di mitigare il rischio idrogeologico nel territorio regionale.
“L’evento del 13 dicembre prossimo sarà un’importante occasione per discutere sui temi inerenti la professione del geologo, chiamato dalle istituzioni a garantire lo sviluppo e la sicurezza del nostro territorio” questo il commento di Roberto Troncarelli, presidente dell’Ordine dei Geologi del Lazio. Conclude affermando: “Anche quest’anno il monito che vogliamo lanciare è molto forte e rigurada la speranza di diventare i “tecnici del giorno prima” e non “quelli del giorno dopo”. Questo è il motore che alimenta giornate come questa, in cui l’Ordine dei Geologi del Lazio sarà riunito in assise e, in generale, la nostra attività quotidiana. Tale obiettivo, per essere perseguito, necessita di un confronto continuo e costruttivo con istituzioni, amministrazioni, mondo accademico, mercato del lavoro e opinione pubblica”.

Lascia un commento

commenti