Appalti truccati a Monte Mario: 10 arresti per corruzione

Dieci arresti della Guardia di Finanza al XIX Municipio. Le indagini hanno riguardato alcuni appalti per la manutenzione di alcune scuole e di alcune strade espletati durante le giunte Alemanno e Marino: cifre esorbitanti per lavori mai eseguiti. La Finanza: "Atti falsi e sottoscritti da dirigenti e impiegati pubblici"

Dieci persone agli arresti domiciliari e 27 indagati. Questi gli esiti di un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza per corruzione, associazione a delinquere, peculato, truffa ai danni dello stato, abuso d’ufficio e frode fiscale per alcuni lavori su quattro scuole del XIV Municipio e sulla manutenzione stradale.

Le indagini sono riferite ad alcuni appalti espletati dalle giunte precedenti. Manutenzione straordinaria sugli edifici scolastici appaltati per 400mila euro e mai eseguiti, per accordi illeciti con i dirigenti comunali. Gli istituti scolastici in questione, tutti nel territorio di Monte Mario, sono il Casal Sansoni, il Pietro Bembo, il Montarsiccio e il Cerboni. La somma pagata è solo una prima rata di 180mila euro, in parte girata anche ai dirigenti capitolini con Fatture false. Si pensa inoltre che, oltre alla “mancetta”, un dirigente avrebbe ottenuto anche manodopera gratuita per lavori da fare nella sua abitazione. “E’ acclarata l’esistenza di un accordo tra dirigenti pubblici ed imprenditori, teso alla spartizione delle risorse pubbliche destinate a tali lavori, in forza del quale, a fronte dell’aggiudicazione dell’appalto, gli imprenditori avrebbero corrisposto ai dirigenti pubblici un importo pari al 20% delle somme liquidate per i lavori che si è scoperto non essere mai stati eseguiti” dichiarano i finanzieri.

Ma nel mirino delle Fiamme Gialle c’è anche un Dipartimento del Comune di Roma che ha affidato la manutenzione straordinaria ad una impresa, già aggiudicataria della manutenzione ordinaria della stessa strada. Si tratta di via del Melone, vicino a piazza Navona, individuata come passaggio strategico per alcuni dei percorsi giubilari dell’Anno Santo della Misericordia. Un intervento da 160mila euro, di cui 60 offerti da una società proprietaria di un albergo locale. In realtà, secondo quanto accertato dalla Guardia di Finanza, i lavori non sono costati più di 40mila euro e sono stati consegnati nel mese di giugno 2015, sebbene i verbali ufficiali attestino che i lavori siano stati eseguiti da febbraio a giugno 2016. La Guardia di Finanza, comunque, precisa che il Comune non ha mai speso i soldi, poiché si tratta di “atti falsi e sottoscritti da dirigenti e impiegati pubblici”. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti