Attacco a Londra: la turista romana ferita non è in pericolo di vita

La turista romana ferita ieri nell'attacco a Westminster non è in pericolo di vita. La donna, che questa mattina ha ricevuto la visita dell'ambasciatore Pasquale Terracciano nell'ospedale in cui è ricoverata. E' stato portato un messaggio di vicinanza e affetto da parte della sindaca Virginia Raggi e di tutta la città di Roma

Non è in pericolo di vita la donna italiana rimasta ferita ieri nell’attacco a Westminster. Lo riferiscono fonti diplomatiche a Londra.

La donna, originaria di Roma, è stata visitata stamattina dall’ambasciatore Pasquale Terracciano nell’ospedale in cui è ricoverata nel centro della capitale britannica. E’ provata ma è assistita costantemente, oltre che dai medici, da una specialista messa a disposizione dall’ambasciata.

La turista romana ha riportato una lesione a due vertebre cervicali e un trauma alla testa, senza conseguenze gravi. La turista romana ha raccontato di aver evitato per puro caso il primo impatto con il suv dell’attentatore essendosi fermata sul ponte di Westminster dopo essersi resa conto di aver sbagliato la direzione verso la Torre di Londra.

E’ stata comunque colpita di rimbalzo dall’auto e sbattuta per terra con violenza. Il compagno che era con lei invece è stato solo sfiorato.

La famiglia ha chiesto che non sia diffusa l’identità della donna per ragioni di privacy. Il Campidoglio è in contatto con l’Ambasciatore italiano Terracciano e il console generale a Londra Massimiliano Mazzanti. E, proprio dal Campidoglio, si apprende che alla donna romana ferita nell’attentato è stato portato un messaggio di vicinanza e affetto da parte della sindaca Virginia Raggi e di tutta la città di Roma.

Gli inquirenti della Procura di Roma hanno aperto un fascicolo in relazione al ferimento delle due italiane, una di Roma l’altra di Bologna. L’ipotesi di reato rubricata dal pm, Marcello Monteleone, è quella di attentato con finalità di terrorismo.

 

Lascia un commento

commenti