Bilancio bocciato, servono nuove entrate. Oggi il nuovo progetto in giunta

Dopo il bilancio bocciato dall'Oref, la giunta Raggi è al lavoro per compilare il nuovo bilancio previsionale. Servono nuove entrate e la sindaca sostiene di volerle trovare senza nuove tasse. Ghera (FdI): "I cittadini hanno capito il grande bluff dei grillini, che vogliono far pagare ai romani il bilancio colabrodo già bocciato dell'Oref"

L’Oref ha bocciato il bilancio presentato dalla giunta di Virginia Raggi, rendendo difficile approvarlo entro la fine dell’anno, come si era proposta inizialmente la sindaca. Ma l’amministrazione capitolina è al lavoro anche in questi giorni di festa per capire come affrontare e risolvere i problemi riscontrati. La Raggi, tramite il sito del Comune, ha spiegato che “siamo già al lavoro per modificare il documento previsionale da sottoporre all’Assemblea Capitolina. La nostra azione non si arresta e continuerà a basarsi sempre sui principi di trasparenza e rigore. Ci sono i tempi per approvare il bilancio nei termini previsti dalla legge”, e cioè entro il 28 febbraio.

I problemi che la giunta grillina è chiamata a risolvere sono i debiti fuori bilancio, che erano stati ignorati dall’assessore Mazzillo nel primo bilancio. L’Oref, infatti, ha giudicato insufficienti gli spazi dedicati alla finanza pubblica per i debiti fuori bilancio, che rimangono scoperti. Il problema sarà coprirli, e quindi oggi alle 16 si riunirà la giunta capitolina e saranno illustrate tutte le modifiche, per giungere all’obiettivo di trovare ulteriori soldi e un modo in cui farli arrivare. Pare che le soluzioni siano state trovate e, dopo la giunta, saranno illustrate in commissione.

Servono nuove entrate secondo la sindaca, ulteriori soldi che possono arrivare o da tagli alle spese o dalle tasche dei romani. Anche se la prima ipotesi sembrerebbe da escludere, poiché l’Oref è stata chiara nella sua relazione, spiegando che “ulteriori risparmi derivanti dalla razionalizzazione della spesa non appaiono possibili se non a danno della qualità dei servizi erogati dall’Ente ai cittadini”. All’inaugurazione di un centro di accoglienza per la violenza sulle donne, Virginia Raggi ha spiegato che “bisogna tagliare una serie di sprechi e recuperare risorse dovunque”. “Stiamo mettendo in campo politiche di recupero che di fatto non possono trovare scrittura sul bilancio perché non sono mai state messe in atto – continua la sindaca – e ci hanno detto che non possiamo metterle nel previsionale perché non abbiamo un dato storico sul quale basarsi. È una nuova avventura anche questo bilancio per individuare risorse che ovviamente non sono tasse in più ma sono proprio nuove entrate che non c’erano mai state prima, perché si è sempre chiuso un occhio. L’attenzione ai servizi è massima perché è questo che deve fare un’amministrazione, dare servizi”.

Dalle opposizioni si riservano qualche perplessità. Fabrizio Ghera, capogruppo FdI in Campidoglio, dichiara: “Stoppati impietosamente dal parere dell’Oref che ha bocciato i conti capitolini i grillini si stanno incartando per uscire da questa nuova impasse. Dopodomani torneremo in Consiglio per discutere nuovamente sul Bilancio, una maratona che per i 5 Stelle è tutta in salita. Non solo, il problema è soprattutto far quadrare i conti. La coperta è corta e l’assessore Mazzillo e il sindaco dovranno trovare altre coperture. La Raggi ha spavaldamente fatto sapere che ci saranno ‘nuove entrate’ ma non ‘altre tasse’. I cittadini però non hanno l’orecchio al naso ed hanno capito il grande bluff dei grillini, che vogliono far pagare ai romani il bilancio colabrodo già bocciato dell’Oref”. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti