Campidoglio, arrestato Raffaele Marra

Arrestato dai Carabinieri Raffaele Marra, braccio destro di Virginia Raggi e responsabile del personale. L'accusa è di corruzione e riguarda una compravendita immobiliare con Enasarco

Ieri è stata la Guardia di Finanza ad intervenire in Campidoglio. Questa mattina un nuovo intervento delle forze dell’ordine ha investito l’amministrazione capitolina. I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, guidati da Lorenzo D’Aloia, hanno arrestato, dopo la richiesta della procura di Roma e l’ordinanza firmata dal GIP Tomaselli, Raffaele Marra. L’accusa, per il fedelissimo della sindaca Virginia Raggi, direttore del Dipartimento Personale ed ex vice capo di Gabinetto del Campidoglio, è di corruzione. L’inchiesta ha dimostrato che l’ex finanziere approdato alla politica è riuscito ad acquistare case a prezzi stracciati da privati ed enti come Enasarco. Arrestato anche il costruttore Sergio Scarpellini, accusato di aver accettato tangenti durante la sua attività in Enasarco.

Ad incastrarlo sembrano essere stati due assegni di Scarpellini a favore di Raffaele Marra per un totale di 30mila euro datati giugno 2013, per l’acquisto di una casa nel quartiere Prati Fiscali. Una tangente per accaparrarsi l’amicizia di Marra, che poi non ha mai smesso di rivolgersi al costruttore amico per numerosi “favori di tipo relazionale”. E le indagini che vanno avanti da giugno hanno portato alla luce una lunga serie di intercettazioni , che stamattina hanno portato alla misura cautelare dell’arresto al carcere romano di Regina Coeli. Ma per Marra i guai potrebbero arrivare anche dall’Anac , che con la procura di Roma indaga sulla nomina in Campidoglio di Renato Marra, suo fratello, dopo un esposto presentato dal Codacons.

Insorgono anche le opposizioni sociali: Roma è la città dell’emergenza abitativa e paradossalmente anche quella dei costruttori. “Ecco in mano a chi è stato messo il futuro della nostra città – dichiara Angelo Fascette, Usb -. Marra è il capo di una cordata di dirigenti dell’amministrazione comunale che stanno conducendo una guerra contro i settori più poveri della nostra città, gli inquilini delle case popolari, gli ospiti dei residence, i senza casa. Eppure il sindaco Raggi ha difeso fino ad oggi Marra a spada tratta. Perché?”. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti