Al Teatro Sala Umberto debutta “Il divorzio dei compromessi sposi”

Lo spettacolo, scritto e diretto da Carlo Buccirosso, sarà in scena durante le feste natalizie, compresa la sera di capodanno, con la possibilità di cenare e brindare a mezzanotte con la compagnia

Al teatro Sala Umberto di Roma debutta dal 20 Dicembre all’8 Gennaio lo spettacolo scritto e diretto da Carlo Buccirosso “Il divorzio dei compromessi sposi” con Gino Monteleone e con Veronica Mazza, Antonio Pennarella, Peppe Miale, Monica Assante di Tatisso e con Claudiafederica Petrella, Giordano Bassetti, Giuseppe Ansaldi.

Don Rodrigo, usuraio dell’entroterra campano, emigrato sulle rive del lago di Como, con i propri scagnozzi, per tentare di rivitalizzare la propria attività finanziaria minata ormai dalla crisi crescente e dalla concorrenza di similari organizzazioni locali, si invaghisce di Lucia Mondella, futura sposa di Renzo Tramaglino, giovani di modeste famiglie contadine irrimediabilmente compromesse dai legami di usura intrapresi col suddetto Rodrigo, a tal proposito fermamente deciso a sperimentare, loro malgrado, il primo caso di “separazione prematrimoniale, non consensuale, a tasso di interesse fisso”!
La storia, pur mantenendo per sommi capi lo sviluppo del noto romanzo manzoniano, trova nei caratteri dei singoli personaggi, da Perpetua ad Agnese, da Don Rodrigo a don Abbondio, dai Bravi all’Innominato, l’originale chiave di lettura satiro-farsesca e nel linguaggio musicale degli stessi, attraverso canzoni famose riadattate e riambientate in atmosfere e melodie seicentesche, la classica struttura della tradizionale operetta musicale.
L’uso di svariati dialetti: dal toscano al bergamasco, dal calabrese al napoletano, dall’emiliano al siculo e la vorticosa girandola di numerosi personaggi minori, interpretati dai componenti del corpo di ballo, attraverso canzoni e coreografie, completano la struttura di uno spettacolo che trova i suoi innegabili punti di forza nella tradizione teatrale e nel divertimento della più classica delle satire popolari.

Lascia un commento

commenti