Caso Yao Zhang, spuntano due testimoni

Due testimoni hanno dichiarato di aver visto la ragazza e di avergli indicato di non proseguire per quella strada

Stanno venendo a galla dettagli sulla morte di Yao Zhang, la studentessa cinese investita da un treno nella stazione di Tor Sapienza a Roma. A fornirli sono stati due operai che, secondo quanto hanno dichiarato in procura giorni fa, avrebbero fatto segno alla ragazza che in quel momento stava passando davanti a loro, di non proseguire per quella strada. “Stava piangendo e parlando al cellulare” hanno dichiarato i due testimoni, i quali di fronte all’indifferenza della diciannovenne scippata pochi minuti prima da tre rom, hanno desistito.

Gli autori dello scippo sono stati arrestati circa una settimana dopo il fatto. Stando alla ricostruzione degli inquirenti, il procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e il pm Giovan Battista Bertolini, Yao dopo esser stata derubata ha provato ha rincorrere i ladri, perdendosi così tra i convogli della stazione. E’ rimasta circa 11 minuti ferma su una massicciata accanto ai binari, prima di essere travolta da un convoglio in transito nella stazione.

Il campo nomadi di via Salviati, dove i rom risiedono, ha fatto pressioni perchè gli autori si consegnassero. Adesso si dovrà chiarire la dinamica dell’incidente ferroviario, per capire se il macchinista era in grado di evitare la tragedia. In caso contrario potrebbe partire un processo per omicidio colposo.

 

 

Lascia un commento

commenti