Codacons: “A Roma lo stesso degrado di due anni fa”

Immondizia, sosta selvaggia, abbandono e scarsa vigilanza. Questo secondo il Codacons il biglietto da visita della capitale, che presenta gli stessi problemi di due anni fa.

“Il degrado che avevamo riscontrato durante l’epoca Marino è sostanzialmente rimasto immutato. Immondizia, sosta selvaggia, abbandono e scarsa vigilanza imperversano oggi come ieri, da una parte all’altra della capitale. Cambia dunque il sindaco ma i problemi restano gli stessi”. È quanto sottolinea il Codacons che ha ripetuto l’operazione di monitoraggio condotta quasi due anni fa durante la giunta Marino.
Come nel 2015, anche stavolta l’analisi si è concentrata su cinque zone della capitale in rappresentanza delle componenti turistica, ambientale, residenziale, professionale della città: Prati, Piazza Vittorio, Ostiense, parchi pubblici e Colosseo-Colle Oppio. “Questo non significa che non ci sia ombra di cambiamenti”, osserva il Codacons secondo il quale però “un’analisi lucida e onesta impone di rilevare la mancanza di interventi risolutivi e sostanziali”.
Il Codacons rende inoltre noti oggi i risultati di un sondaggio lanciato nelle scorse settimane sul sito web dell’associazione, in cui si chiedeva ai cittadini di esprimere la propria opinione sul sindaco: “Virginia Raggi deve rimanere in carica o abbandonare il ruolo di sindaco? Ebbene, per il 58% dei votanti la Raggi deve continuare a guidare la città e al sondaggio hanno partecipato circa 4.500 votanti”. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti