Commercio, nel centro di Roma sconti e iniziative contro la crisi

Sabrina Alfonsi, Presidente del Municipio I (PD): "il commercio per questa città è la principale voce del Pil e lasciarlo morire, come sta facendo il Campidoglio, significa disinteressarsi del futuro economico della capitale".

A seguito delle lamentele dei gestori di attività nel centro storico della Capitale, espresse in una lettera indirizzata alla Sindaca Virginia Raggi, il Municipio I tenta di individuare una soluzione che risollevi il commercio proponendo iniziative festose, gite culturali e ribassi in negozi e alberghi che attirino cittadini e turisti.

I commercianti hanno, infatti, contestato l’assenza di una programmazione economica che valorizzasse le zone centrali di Roma, “una città senza luci di Natale, sporca, degradata e con strade buie”. Mentre i centri commerciali si riempiono, le piccole attività chiudono i battenti. I numeri sono impressionanti: se le cose non cambieranno, è prevista la chiusura di 2.500 attività, con 8.000 persone che perderanno il lavoro. La lettera ha attivato il campanello d’allarme del Municipio I, che ha prontamente convocato un’assemblea a cui parteciperanno la giunta e rappresentanti della Camera di Commercio.

Sabrina Alfonsi, Presidente del Municipio I, accusa duramente la Sindaca: “se finora la prima cittadina Raggi non ha voluto incontrare la categoria, lo faremo noi con un piano di iniziative a costo zero o sostenute da sponsor privati“. “Troppe volte sono state fatte iniziative, a livello istituzionale, non condivise con le associazioni di categoria e non hanno prodotto risultati – continua Alfonsi – è dunque necessario concordarle con loro e modificarle affinché vadano a buon fine. Il commercio per questa città è la principale voce del Pil e lasciarlo morire, come sta facendo il Campidoglio – termina la Presidente – significa disinteressarsi del futuro economico della capitale”.

Tra le ipotesi sul tavolo, anche una “card” che, attraverso un meccanismo simile a quello delle fidelity card di molti negozi, permetta di avere sconti nei negozi aderenti. Il punto focale del piano di risanamento economico municipale è, però, un calendario di eventi serali: almeno uno al mese, con negozi aperti anche oltre l’orario ordinario e spettacoli musicali e teatrali in strada.

Lascia un commento

commenti