Crocifissi rimossi a scuola, Corsetto (Lega): Denunciamo prof. per furto e peculato

"Stiamo valutando l'ipotesi di denunciare il furto dei crocifissi ad opera di un dipendente pubblico"

“Rendo noto un grave episodio di rimozione del crocifisso che mi è stato inviato da testimoni di una scuola romana, dove un insegnante ha rimosso e fatto sparire diversi crocifissi dalle aule”.

È quanto fa sapere dalla sua pagina Facebook il responsabile della Sezione Lega Ponte Milvio, Riccardo Corsetto.

Cristo e il crocifisso – si legge nel post apparso accanto alla lettera di alcuni testimoni che hanno denunciato il caso alla Lega – non sono soltanto il simbolo dei nostri duemila anni di storia e cultura, ma sono anche “garanzia” di libertà, non solo di culto, che alcuni insegnanti vorrebbero prepotentemente bandire in nome di un oscurantista laicismo. Per manifestare il dissenso alla Preside dell’Istituto, “affinché si sbrighi a prendere provvedimenti”, una insegnante e alcune famiglie hanno scritto diverse missive, per ora senza risposta”.

Stiamo valutando – conclude Corsetto – l’ipotesi di denunciare il furto dei crocifissi ad opera di un dipendente pubblico, scomparsi da diverse aule, configurando il reato di furto e peculato. Quello che di questa storia fa piacere, è sapere che il professore anti-cristo è stato severamente criticato dai suoi alunni di 12 anni, evidentemente più maturi di lui”. (L’UNICO)