Crollo Ponte Milvio, in un quadro di fine ‘800 la spiegazione?

L'opera risale alla fine del XIX Secolo e sembra rafforzare quanto anticipato dalla perizia tecnica della Procura di Roma che indaga per disastro colposo

Un quadro di fine ‘800 spiegherebbe il crollo della palazzina al 5 di Via Flaminia, a Ponte Milvio, e supporterebbe la perizia tecnica avviata dalla Procura della Repubblica di Roma nell’inchiesta per disastro colposo diretta dal PM Carlo Lasperanza. A ricordare l’esistenza dell’opera è stata l’architetto Francesca Di Castro in una intervista al sito d’informazione VignaclaraBlog. Il quadro, ha ricordato l’esperta nell’intervista al giornale locale, appartiene a Salomon Corrodi, un pittore nato a Frascati nel 1844, che dipinge l’attuale piazzale di Ponte Milvio come si presentava alla fine del XIX Secolo, quando erano edificati esclusivamente la torre di Valadier e la Villa dei Cardinali. Sulla destra, però il pittore rappresenta un corso d’acqua con un ponticello situato proprio nelle zone vicine al crollo. Una notizia che in fondo non ha mai stupito gli anziani del luogo, memori della natura geologica dei luoghi. Adesso bisognerà capire se ‘l’istantanea’ di Corrodi potrà spiegare, e in che misura, quanto avvenuto la maledetta notte del 24 settembre. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti