Derby: vittoria netta della Roma per 2-0

Un derby della Capitale molto teso, deciso da episodi e che non ha mostrato un divario netto tra le due squadre a dispetto del risultato.

Anche se così netta non è stata. Un avvio piuttosto prepotente della Lazio immette fiducia negli uomini  di Inzaghi, che sfiorano più volte il vantaggio, in particolar modo con quello che, fino ad ora, si sta rivelando l’uomo di punta dei biancocelesti,  l’ex granata ed ex Borussia Dortmund,  Ciro Immobile, che con un tiro potente nell’aria di rigore dei giallorossi sfiora il vantaggio.
Il primo tempo è proseguito senza troppi sussulti a parte un colpo di testa di Dzeko che finisce di poco al lato della porta difesa da Marchetti. La partita è  molto fisica come testimoniano i molti ammoniti sia dalla parte biancoceleste che giallorossa (Biglia e Lombardi per la Lazio, Rudiger e Strootman per la Roma).
Ma è nel secondo  tempo che la musica cambia. Un errore di Wallace aiuta Strootman che, tutto solo davanti a Marchetti la mette dentro e porta i giallorossi in vantaggio. A quel punto Cataldi si scaglia contro  Strootman  e viene espulso, scattano rissa ed insulti pesanti.  La partita riprende e pochi minuti bastano a Radja Naingollan  per abbattere le speranze laziali. Un imbarazzante Marchetti non interviene sul tiro dai venti metri di Naingollan, che porta la Roma a vincere il derby ed a portarla a -4 dai bianconeri, che battono l’Atalanta a Torino. Mentre Inzaghi dovrà rivitalizzare un ambiente demoralizzato.
La considerazione generale è quella di un derby della Capitale molto teso, deciso da episodi e che non ha mostrato un divario netto tra le due squadre a dispetto del risultato. La Roma è stata più tosta. Su tutti, l’esempio di poca civiltà sportiva di Lulic…ad maiora.
Giacomo Gagliardi

Lascia un commento

commenti