Finanza in Campidoglio, si verifica l’appalto della rotonda sulla Cassia

Su richiesta dell'Anac è stata avviata la verifica di un appalto per la rotatoria sulla Cassia. Spesi 707 mila euro a fronte dei 280 previsti

Campidoglio assediato dalle forze dell’ordine in questi giorni. Ieri la Guardia di Finanza, questa mattina i Carabinieri e l’arresto di Marra. Ora è di nuovo la volta della Finanza, che è intervenuta su mandato dell’Anac per verificare dei documenti riguardanti un appalto al XV Municipio.

Tra ieri e oggi i finanzieri dell’Unità Operativa Speciale dell’Unità Anticorruzione hanno visionato documenti e informazioni sull’appalto per la realizzazione della rotatoria tra via Cassia e via Giustiniana, zona nord di Roma, che è costata 717 mila euro a fronte dei 280 previsti. Le prime verifiche richieste sempre da Anac erano scattate già un anno fa, in occasione di una serie di controlli sugli appalti del Giubileo. Roma Capitale, secondo quanto si apprende, avrebbe rivisto i costi a causa dell’insufficienza infrastrutturale del progetto originale.

Ma all’autorità rimane il sospetto che si sia cercato di innalzare i costi nonostante le più stringenti norme del codice degli appalti, che rendono molto più difficile attuare modifiche in corso d’opera. La verifica richiesta dell’Anac ha l’obiettivo, infatti, di capire come mai il Campidoglio non abbia riscontrato sin da subito l’errore progettuale dovendo ricorrere al raddoppio dei costi. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti