Fosse Ardeatine: cerimonia per il 73esimo anniversario dell’eccidio

In occasione del 73simo anniversario dell'eccidio si è svolta una cerimonia commemorativa presso il sacrario del Mausoleo delle Fosse Ardeatine

Il 23 marzo 1944 i GAP (Gruppi d’Azione Patriottica) attaccano, in via Rasella, una colonna della polizia militare tedesca, dipendente dal comando SS. Il 24 marzo per rappresaglia le SS, agli ordini del tenente colonnello Herbert Kappler, uccidono 335 persone (tra cui almeno 75 ebrei) in una cava di pozzolana  sulla via Ardeatina. In occasione del 73° anniversario dell’eccidio, oggi cerimonia commemorativa alla presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella e, tra gli altri, del Vicesindaco di Roma Capitale, Luca Bergamo.

La celebrazione ha avuto luogo stamane presso il sacrario del Mausoleo delle Fosse Ardeatine che ricorda l’eccidio. In memoria di una delle stragi più efferate della storia, il presidente Sergio Mattarella assieme al Capo di Stato Maggiore della Difesa il Generale Claudio Graziano e il presidente dell’Anfim Rosina hanno deposto una corona d’alloro. Presenti, assieme ai bersaglieri e ai parenti delle vittime, anche  il vice sindaco di Roma Luca Bergamo, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il presidente del Senato Piero Grasso, il ministro della Difesa Roberta Pinotti, Danilo Errico Capo di Stato Maggiore dell’Esercito italiano, e il rabbino capo Riccardo di Segni.

“La lettura dei nomi di tutte le vittime è una esperienza che ciascuno dovrebbe vivere almeno una volta – ha affermato Bergamo – racconta l’enormità dell’eccidio e di come sia profondamente intrecciato con la vita di Roma. Ricordare è essere vicini a chi ha sofferto e, insieme, ricostruire ogni volta le basi per impedire che la storia si ripeta. In questa epoca durante cui intolleranze, razzismo e violenza si riaffacciano in Europa ciasuno di noi è chiamato a ricordare e apprendere dal passato. Ogni giorno, con le nostre scelte, agiamo con questa consapevolezza e responsabilità”.

Ieri, mercoledì 22 marzo, un corteo con le scuole e le associazioni del territorio denominato “Percorso della Memoria” ha attraversato le vie e raggiunto i luoghi della memoria del Municipio VIII promotore come ogni anno dell’iniziativa. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti