Gli ebrei ungheresi rivendicano il “diritto” alla pedofilia

Mazsihisz, la più grande federazione di comunità ebraiche in Ungheria ha condannato una nuova legge che vieta in Ungheria la condivisione di contenuti sull’omosessualità con minori

127

Fonte Maurizio Blondet

I gruppi ebraici in Ungheria hanno condannato una nuova legge nel paese che vieta la condivisione di contenuti sull’omosessualità con i minori.

Chiamata “legge sulla propaganda gay”, la legislazione approvata la scorsa settimana in parlamento segue mosse simili in Russia nel 2013 che definiscono i materiali scritti o visivi relativi alla riassegnazione del sesso o all’omosessualità come propaganda che non dovrebbe essere autorizzata a raggiungere i bambini.

Il provvedimento, firmato mercoledì dal presidente Janos Ader , ha innescato uno scontro diplomatico tra l’Ungheria e altri Stati membri dell’Unione europea.

https://apnews.com/article/europe-hungary-laws-sports-government-and-politics-04da23912421a7a6e4e10a1e7698329f

Il Teatro Golem, un’istituzione con sede a Budapest che si occupa ampiamente di argomenti ebraici e ha molti membri ebrei, ha dichiarato su Facebook che “è contrario alla legge sulla propaganda”.

Anche Mazsihisz, la più grande federazione di comunità ebraiche in Ungheria, ha criticato la legislazione senza nominarla nella dichiarazione del gruppo. Mazsihisz si definisce una comunità religiosa.

“I Mazsihisz, in quanto gruppo ebraico, credono fermamente che tutte le persone siano intrinsecamente pure e che le loro emozioni non le rendano impure”, si legge nella

dichiarazione . “Nessuno dovrebbe essere etichettato come impuro, discriminato e certamente non messo al bando semplicemente a causa del suo orientamento o identità. Tali classificazioni distruggono la coesione sociale e il nostro senso di appartenenza”.

Il governo di destra ungherese sotto Viktor Orban si è scontrato su diverse questioni con Mazsihisz, che ha avvertito che la campagna del governo che critica il filantropo miliardario ebreo George Soros rischia di incoraggiare l’antisemitismo e che il governo sta facilitando il revisionismo dell’Olocausto. Altri gruppi ebraici locali, inclusa la federazione ebraica EMIH, hanno contestato queste accuse. (L’UNICO)

 

Facebook Comments


Warning: A non-numeric value encountered in /home/customer/www/lunico.eu/public_html/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 353