Guasto al San Camillo, pazienti con la mascherina e interventi annullati

Un guasto all'impianto di ossigenazione all'ospedale San Camillo, ha costretto stamattina ad annullare gli interventi chirurgici previsti e ad attaccare alle bombole alcuni pazienti. I tecnici sono già al lavoro e il guasto, nella struttura non nuova a questo genere di emergenze, dovrebbe essere risolto nelle prossime ore.

Basta poco a mettere in ginocchio un ospedale. È ciò che è successo all’ospedale San Camillo, dove stamattina la pressione delle macchine di ossigenazione è calata improvvisamente ed è scattato l’allarme nelle sale operatorie. I pazienti sono stati immediatamente attaccati alle bombole e gli interventi cancellati. A lanciare l’allarme sono stati gli infermieri, che hanno attivato tutte le procedure di sicurezza e hanno soccorso anche i ricoverati in terapia intensiva. Nessuno sarebbe in pericolo di vita.

Alcuni pazienti erano in sala operatoria quando è scattato l’allarme, e si è evitando il peggio attaccandoli alle mascherine. Sono stati poi annullati tutti gli interventi in lista per le prossime ore, almeno, fanno sapere dall’ospedale “fino a quando non verrà risolto il problema”. Sono già al lavoro i tecnici per risalire all’origine del guasto e risolverlo. Il problema sembra essere alle valvole che regolano la pressione all’ossigeno; guasto che dovrebbe essere risolto nelle prossime ore. Non è la prima volta che la struttura ospedaliera sulla Gianicolense viene posta sotto allarme. L’ultima emergenza infatti soltanto due giorni fa: un sovraffollamento ha fatto sì che 50 pazienti aspettassero in barella un posto letto e 10 ambulanze all’esterno aspettavano la restituzione del lettino. Fabrizio d’Alba, direttore generale del San Camillo, aveva riferito di “un iper afflusso di malati dovuto a più cause”.  A ottobre, invece, la ministra Lorenzin aveva ricevuto una lettera dal figlio di un paziente, che denunciava la mancanza di privacy nei confronti del genitore, deceduto al San Camillo dopo un’agonia lunga 56 ore. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti