Italia della pallanuoto campione del mondo

Per il Settebello si tratta del quarto titolo mondiale, dopo quelli del 1978, del 1994 e del 2011. Un risultato che, oltre a riempire d’orgoglio gli appassionati e gli addetti ai lavori, fa ben sperare in vista del torneo olimpico di Tokyo 2020.Per il Settebello si tratta del quarto titolo mondiale, dopo quelli del 1978, del 1994 e del 2011. Un risultato che, oltre a riempire d’orgoglio gli appassionati e gli addetti ai lavori, fa ben sperare in vista del torneo olimpico di Tokyo 2020

891

La Nazionale italiana di pallanuoto è campione del mondo 2019: il Settebello ha conquistato la medaglia d’oro al Mondiale in corso a Gwangju, in Corea del Sud, al termine di una finale dominata dal secondo quarto in poi, e chiusa con un eloquente 10-5 (parziali 2-2, 3-1, 3-1, 2-1).

Per il Settebello si tratta del quarto titolo mondiale, dopo quelli del 1978, del 1994 e del 2011. Un risultato che, oltre a riempire d’orgoglio gli appassionati e gli addetti ai lavori, fa ben sperare in vista del torneo olimpico di Tokyo 2020.

Per quanto riguarda i marcatori, per gli azzurri vanno a segno per due volte Luongo Dolce, mentre Di FulvioFiglioliRenzutoEcheniqueBodegas Aicardi firmano un gol a testa. Inutili per gli iberici le doppiette di Perrone Mallarach e il gol di Munarriz.

Entistasta al termine il commissario tecnico degli Azzurri, Sandro Campagna: “Siamo partiti con tante defezioni, con il cambiamento delle regole – ha dichiarato a La Gazzetta dello Sport -. Non ci siamo qualificati per le finali di World League, abbiamo fatto sette partite di preparazione per testare le nuove regole, e sono poche. Quindi avevo detto ai ragazzi alleniamoci, crediamoci, e cresceremo anche durante il Mondiale. E’ quanto ci siamo detti, ogni giorno abbiamo messo un tassello. All’inizio mi hanno fatto sbraitare, ma se succede solo se prepariamo qualcosa sulla carta e poi non facciamo le cose per bene. Dovevamo mettere più grinta, più altezza per non far passare quei tiri. Questo abbiamo fatto e siamo partiti in contropiede“.

“Siamo stati bravi di testa – ha poi concluso – chi ha l’equilibrio mentale, cuore e solidità morale vince le partite La nostra è una squadra molto rinnovata, alcuni sono stati richiamati, come Figari. E poi ho creduto che con queste nuove regole su velocità, inserimento, entrata, i giovani potessero darmi qualcosa in più. Sono contento anche per Somma Dolce, alla loro prima esperienza al posto degli infortunati Presciutti Fondelli. Un risultato importantissimo in vista dei Giochi Olimpici”.

Facebook Comments