“L’Ara com’era”: repliche durante il ponte dell’Immacolata

Un'occasione d'incontro tra storia e tecnologia, un intervento di valorizzazione del patrimonio culturale di Roma Capitale, nello specifico di uno dei più importanti capolavori dell’arte romana, costruito tra il 13 e il 9 a.C.

Uno spettacolo di luci e un racconto multimediale svelano il monumento dell’Ara Pacis com’era alle origini. Sovrapponendo elementi virtuali alla percezione visiva, è possibile comprendere l’aspetto originario e la funzione dell’altare e osservare le trasformazioni del Campo Marzio settentrionale, l’area di Roma prescelta da Augusto per celebrare il proprio potere. In occasione del ponte dell’Immacolata, sono previsti due spettacoli in più, il 7 e l’8 dicembre, oltre alle repliche del venerdì e sabato.

L’Ara com’era, occasione di incontro tra storia e tecnologia, è il primo intervento sistematico di valorizzazione in realtà aumentata e virtuale del patrimonio culturale di Roma Capitale, nello specifico di uno dei più importanti capolavori dell’arte romana, costruito tra il 13 e il 9 a.C. per celebrare la Pace instaurata da Augusto sui territori dell’impero. Personaggi, gesti, divinità e animali si animano in 3d per illustrare, insieme al colore, le origini di Roma e della famiglia di Augusto.
Il progetto, promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è organizzato da Zètema Progetto Cultura e affidato ad ETT SpA attraverso un bando di gara a cui hanno partecipato 23 proposte.

“L’Ara com’era – si legge nella scheda tecnica di presentazione – presenta in anteprima una innovativa esperienza di Augmented Reality (Realtà Aumentata) unica nel suo genere. Utilizzando particolari visori AR (Samsung GearVR) e la fotocamera dei device in essi inseriti, elementi virtuali ed elementi reali si fonderanno direttamente nel campo visivo dei visitatori. Da precisare: sotto i 13 anni non è consentito l’uso dei visori. La particolare applicazione AR riconoscerà la tridimensionalità dei bassorilievi e delle sculture, effettuando un tracking in tempo reale. I contenuti virtuali appariranno al visitatore come “ancorati” agli oggetti reali, contribuendo all’efficacia, all’immersività e al senso di magia dell’intera esperienza. In questo percorso di scoperta, il visitatore sarà invitato a svolgere una serie di gesti e azioni che coinvolgeranno più canali percettivi. E così, osservando da varie angolazioni i plastici e i modellini, i visitatori li vedranno popolarsi di personaggi, intenti a celebrare il sacrificio, ascoltando suoni e voci come in uno spaccato dell’epoca, mentre i calchi raffiguranti la famiglia imperiale prenderanno vita e si racconteranno in prima persona”.

Lascia un commento

commenti