Luigi Tenco e “La febbre del Cinquantenario sera”. Lettera aperta del portavoce della famiglia

"Né il sottoscritto né tantomeno gli eredi Tenco hanno mai ostacolato alcuna manifestazione né filosofia di pensiero di nessuno, come la storia dimostra"

A seguito dell’articolo “Luigi Tenco, a 50 anni dalla morte il poeta non riposa“, pubblicato l’8 dicembre su questo giornale, riceviamo e pubblichiamo integralmente una lettera del Sig. Michele Piacentini, portavoce della famiglia Tenco. 

di Michele Piacentini 

Grandi personaggi del mondo della musica che parlano a milioni di telespettatori con ricordi deformati dal tempo anziché, se proprio necessario, limitarsi a raccontare i fatti reali su Luigi Tenco. Grandi presentatori della televisione che si approcciano a valutare canzoni con spiegazioni deviate anziché, se proprio necessario, dedicarsi anche soltanto a leggere integralmente i testi di Luigi Tenco. Grandi emittenti televisive che elaborano dossier di cronaca con l’omissione di dettagli importantissimi anziché, se proprio necessario, dedicarsi a fare giornalismo sul contesto in cui è stato scoperto l’epilogo di Luigi Tenco. Grandi scrittori che raccontano la vita altrui con dovizia di particolari démodé anziché, se proprio necessario, precisare le differenze storiche e culturali profondamente cambiate in cinquant’anni dalla scomparsa di Luigi Tenco. Grandi etichette musicali che elaborano progetti con semplici raccolte anziché, se proprio necessario, impegnarsi a dare il valore aggiunto dello spirito con cui le canzoni erano state scritte da Luigi Tenco. Grandi organizzazioni di spettacolo che celebrano omaggi con tributi più autocelebrativi e commerciali anziché, se proprio necessario, sforzarsi per attenersi al titolo stesso delle loro manifestazioni che hanno voluto dedicare a Luigi Tenco. Grandi enti di promozione turistica e culturale che vorrebbero la figura di Tenco tra i personaggi cosiddetti commerciali della canzone italiana anziché, se proprio necessario, dedicarsi a rispettare la storia di chi realmente ha voluto rendere omaggio alla musica d’autore di Luigi Tenco.

A tutto ciò, che è soltanto una piccola parte di quanto in questo periodo vira intorno alla figura di Tenco, si aggiungono le innumerevoli piccole iniziative di chi, per esempio, ostenta sentimentalismo strumentalizzando “migliaia di sostenitori” sui social che invece sono soltanto dei “likes” ottenuti spesso con annunci a pagamento per divulgare chissà quali teorie; oppure di gente che, redarguita sull’uso improprio del nome di Luigi Tenco nel corso di manifestazioni non ufficiali, grida strumentalmente al vittimismo per eventi che già non erano stati approvati dagli enti pubblici che incautamente in passato avevano patrocinato e finanziato le stesse manifestazioni di spettacolo a pagamento; oppure di persone che, redarguite già da anni sull’uso delle immagini di Tenco previa autorizzazione degli eredi e degli altri aventi diritto, pretenderebbero addirittura che gli eredi Tenco “si mettessero le mani in tasca” per finanziare le loro iniziative locali; oppure di amministratori locali che, dall’alto delle loro poltroncine di Consigliere Comunale di un piccolissimo centro abitato, vorrebbero malamente sollevare terzi soggetti dall’incarico della gestione del Centro Studi Luigi Tenco (per semplicità definito museo) assegnato dai loro stessi colleghi para-politici…

A tutto questo, che sembra essere per gran parte una psicosi epidemica, non può che giungere la scelta di fare un passo indietro da parte del sottoscritto.

In particolare, come già chiesto da diverso tempo al Sindaco di Ricaldone e ritenendo che la cittadina che rappresenta non sia ancora sufficientemente matura per sostenere lo spessore internazionale di un personaggio come Luigi Tenco, confermo l’intento di non voler seguire più le iniziative del cosiddetto museo al fine di evitare qualsivoglia strumentalizzazione politica locale e critiche rivolte alla mia persona in qualità di ufficio stampa della famiglia Tenco per scelte doverose ed obbligate in tema di diritto d’immagine e diritto morale.

Purtroppo le sollecitate e mancate risposte del Comune di Ricaldone a questo riguardo hanno permesso l’ingiusto proliferarsi di battibecchi spiccioli degni soltanto di repliche tramite legali e che, invece, vengono ancora pazientemente ribattute con tolleranza ormai sfiancata e la presente rinuncia.

Né il sottoscritto né tantomeno gli eredi Tenco hanno mai ostacolato alcuna manifestazione né filosofia di pensiero di nessuno, come la storia dimostra. Gli unici argomenti che sono stati giustamente osservati, redarguiti o segnalati sono quei pochissimi eventi nei quali si è resa importante la salvaguardia dell’immagine di Luigi Tenco la cui vita e spirito erano, sono e rimangono un bene intimo della sua famiglia.

Qualora fosse necessario precisarlo, sottolineo anche il fatto che i doverosi inviti formali sul proibire l’uso improprio di immagini e di filmati, oltre che legittimo, spesso però scaturisce dalle segnalazioni che provengono da parte degli aventi diritto allo sfruttamento e/o dai legittimi proprietari. Come la storia dimostra, e questo vale anche per il filmato musicale “Ho capito che ti amo” di mio padre Tullio Piacentini, finora non è mai stata spedita alcuna richiesta di danni per immagini e filmati usati senza autorizzazione o addirittura manipolati con la sovrimpressione di scritte che nulla hanno a che vedere con gli aspetti culturali e musicali.

La tolleranza adottata finora ed insita nella natura dello scrivente, oltre che degli eredi di Luigi Tenco, vuole essere un ennesimo segnale di disponibilità e buon senso… anche se sembra esser passato inosservato ai più e alla quasi totalità degli organizzatori dei vari tipi di programmi.

Tuttavia mi auguro che la creatività musicale, la filosofia di vita, i valori sociali e lo spirito goliardico di Luigi Tenco saranno gli aspetti principali e sicuramente i più nobili che potranno essere ricordati nel corso del 2017, per i cinquant’anni della sua scomparsa.

Auspico che chi eredita la storia delle organizzazioni del 1967, a mio avviso colpevoli dell’ingiusta discriminazione del cantautore Luigi Tenco perpetuata nei decenni, abbia le capacità ed i mezzi per rivolgere le doverose scuse istituzionali a lui e alle persone, in primis i familiari, che ne hanno dovuto subire le conseguenze nel corso dei lunghi decenni.

Un eventuale cambiamento reale in tal senso potrebbe essere un modo concreto per far conoscere Luigi Tenco e le sue canzoni, non soltanto durante “i bagni di folla” che ricorreranno con quella che sembra essere la “febbre del cinquantenario sera”, ma anche e soprattutto per gli anni a seguire.

Lascia un commento

commenti