Magliana, AssoTutela: “Grillini sfrattano il centro disabili senza motivo”

Uno stabile in via della Magliana 296, che ospitava una scuola, poi un centro per disabili è stato smantellato per essere riconvertito a sede municipale. “Potrebbe costituire un beneficio per tutti, l’aggregazione di servizi e uffici in un’unica sede ma, purtroppo, i lavori sono fermi per inerzia burocratica da parte dei grillini" dichiara il presidente di AssoTutela, Michel Emi Maritato

“Sarebbe tutto pronto: fondi stanziati, appalti conclusi, imprese contattate. Lo stabile di via della Magliana 296, che un tempo ospitava una scuola, poi un centro per disabili, dovrebbe diventare la nuova sede unificata dell’XI Municipio, ma l’incapacità amministrativa dei pentastellati blocca qualsiasi possibilità di sviluppo e beneficio per la comunità”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela, Michel Emi Maritato.

“Potrebbe costituire un beneficio per tutti,- prosegue Maritato – l’aggregazione di servizi e uffici in un’unica sede: per i cittadini, non più costretti a mille maratone in cerca di un ufficio, e per le casse comunali, considerati i notevoli risparmi per gli affitti delle attuali sedi dell’IX. Per questo nella passata consiliatura si era deciso di ristrutturare e riconvertire la ex scuola che, in attesa del restilyng, ospitava un centro per disabili”.

“Ebbene, – afferma – l’attuale amministrazione pentastellata non ha avuto remore: da ottobre 2016 fuori tutti gli assistiti senza alcun motivo, in quanto la nascita della nuova ‘casa municipale’ resta una chimera. I grillini – conclude Maritato – non sono in grado di portare avanti il progetto perché non riescono a individuare il responsabile per la sicurezza. Che ne pensa l’architetto assessore ai lavori pubblici? Se non è in grado di portare avanti i progetti cosa ci sta a fare in municipio?”.

 

Lascia un commento

commenti