Matteo Salvini contro Matteo Renzi. Chi consiglia il Capitano non conosce l’Abc

Ieri abbiamo regalato 4 milioni di spettatori al Pinocchio di Firenze, annientato fino a poche settimane fa dal referendum costituzionale, banche popolari, Boschi e allegri genitori. Non avevamo bisogno di regalare a Renzi (al 3%) il 25% di share nazionale. Un peso massimo non sale coi nani sul ring

crisi di governo

Matteo Salvini l’unica speranza per il nostro Paese. Per i sovranisti. Per i patrioti. Per coloro che credono nel principio dell’autodeterminazione e nella dignità della Nazione.

Ma ieri è stato mal consigliato. Non si va a fare il massaggio cardiaco a Renzi. Non si va in una trasmissione nella rete ammiraglia di Stato forti del 33%, un terzo del Paese, per fare pubblicità a un nano che naviga al 3%. A regalargli una platea di 4 milioni di persone che da solo se la sogna.

E’ una questione di protocollo. Di Abc della comunicazione. Regole che ci insegna anche lo sport. Un confronto all’americana è qualcosa di simile a un incontro di boxe, e le regole non consentono di far combattere un peso massimo con un “piuma”. Ieri abbiamo regalato 4 milioni di spettatori al Pinocchio di Firenze, annientato fino a poche settimana fa dal referendum costituzionale, banche popolari, Boschi e allegri genitori. Non avevamo bisogno di regalare a Renzi il 25% di share nazionale. Anche perché nel confronto all’americana la logorrea del fiorentino, che spesso si parla addosso rendendo complesso un contraddittorio ragionato, può essere scambiato da un pubblico disattento per “supremazia”. Che in fin dei conti nemmeno c’è stata, perché il Capitano è riuscito ad arrivare nonostante l’eloquio monologico e melmoso del toscano.

I consiglieri di Matteo meritano una tiratina d’orecchie. Il Capitano va preservato, soprattutto se il presenzialismo tv serve a dare visibilità a uno sotto la soglia di sbarramento. Quattro milioni di spettatori a Matteo Renzi sono un regalo che si poteva evitare.

Teo Morganese

Leggi l’opinione opposta

Matteo Salvini contro Matteo Renzi? Una genialata del Capitano