Moneta parallela, Stop Europa: “Hackeraggio contro un milione di italiani non resterà impunito”

Interviene il direttivo del movimento Stop Europa sull'hackeraggio subito: “Andremo fino in fondo per accertare le responsabilità del gesto criminale che sta ledendo il diritto di espressione e di associazione di un milione di liberi cittadini italiani. Ma resta confermata la manifestazione del 30 maggio a Roma".

979

Abbiamo subito il 20 maggio un attacco hacker da parte di ignoti che operano sotto il nome fittizio di Robert Tan Edition ai danni del nostro gruppo Stop Europa che aggrega un milione di cittadini italiani promotori del piano di salvezza nazionale fondato sulla emissione della moneta parallela e dei biglietti di Stato per rispondere alla crisi di liquidità dovuta all’emergenza Covid”. È quanto rivela il direttivo del movimento Stop Euro Alt Europa.

L’attacco informatico è avvenuto tramite la violazione del profilo personale di uno degli amministratori del gruppo social, che è stato privato di tutti i profili personali e degli accessi di controllo al gruppo. Da diverse ore migliaia di troll hanno sabotato, attraverso messaggi fuorvianti e violenti, la comunicazione ufficiale del movimento legittimo proprietario della pagina Facebook al fine evidentemente di compromettere l’efficacia del progetto politico e la riuscita della manifestazione nazionale prevista per il 30 maggio a Roma, in piazza del Popolo, e già regolarmente autorizzata dalla Questura di Roma – aggiungono dal direttivo del movimento –. È stata già presentata regolare denuncia alla polizia postale, e un team di avvocati, coordinati dall’avvocato Paolo Palma del Foro di Roma, hanno citato l’amministrazione di Facebook al fine di vedere ripristinato il controllo della pagina e dei profili oggetto di attacco”.

Andremo fino in fondo per accertare le responsabilità del gesto criminale che sta ledendo il diritto di espressione e di associazione di un milione di liberi cittadini italiani. I responsabili individuati saranno citati per il risarcimento dei danni. Resta confermata in ogni caso la manifestazione in programma per il 30 maggio in piazza del Popolo alle ore 10.00, essendo peraltro l’unica ad oggi ufficialmente autorizzata dalle autorità di pubblica sicurezza”. Così conclude il direttivo Stop Euro Alt Europa.

Facebook Comments