Municipio XV, proposta di FdI per la regolamentazione delle videolotterie

FdI presenta in consiglio municipale una delibera sulla regolamentazione a Roma delle videolotterie e del gioco d'azzardo. Una presa di posizione forte sul fenomeno della ludopatia, che in Italia presenta dei dati davvero preoccupanti

Nel corso della seduta del consiglio Consiglio Municipale di mercoledì 21 dicembre, presso la sede del Municipio XV in via Flaminia 872, i consiglieri di FdI, Andrea De Priamo, Giorgia Meloni e Fabrizio Ghera hanno presentato una delibera sulle “Linee guida per l’adozione del Regolamento di Roma Capitale per le sale giochi, l’installazione-produzione e/o distribuzione di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco e VLT (videolottery)”. A conferma dell’impegno di Fratelli d’Italia, a tutti i livelli, per contrastare la diffusione del gioco d’azzardo e delle slot machine. Nel corso della seduta consiliare di mercoledì scorso, FdI ha fatto sentire la propria voce, annunciando alle opposizioni l’assoluta inadeguatezza di uno Stato che riempie le proprie casse, lucrando sulla debolezza dei cittadini.

Quello della ludopatia è un fenomeno davvero preoccupante, se si pensa che in Italia c’è una slot machine ogni 143 abitanti. Sono 17 milioni, inoltre, le persone che almeno una volta nella vita hanno tentato la fortuna al gioco e diverse centinaia di migliaia sono i giocatori problematici e quelli a rischio dipendenza. Gratta e vinci, lotto istantaneo e superenalotto sono i mezzi più gettonati. Anche nella fascia giovanile, quella compresa tra i 15 e i 17 anni, il dato è allarmante: il 41% dei maschi e il 30% delle femmine gioca d’azzardo, attraverso le scommesse sportive, effettuate principalmente dai dispositivi mobili.

Diventa fondamentale, quindi, una netta presa di posizione da parte delle istituzioni riguardo ad un fenomeno in continuo aumento, che rappresenta una vera e propria patologia sociale, anche con dei costi a carico del sistema sanitario nazionale. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti