Oggi due pedoni morti, quarto incidente in una settimana

Dopo l'incidente di martedì scorso alla Garbatella, in cui un uomo ha perso la vita e altri due ferimenti, il giorno della Vigilia di Natale, anche oggi altri due pedoni sono morti sulle strade di Roma

oggi due pedoni morti quarto incidente in una settimana

In una settimana il bilancio è pesantissimo: cinque pedoni sono stati investiti a Roma, tra i quali tre sono morti e due sono feriti in modo grave. Oggi due persone sono decedute dopo essere state investite, rispettivamente, da un furgone e da un’auto. Si tratta di un 86enne investito, intorno alle 13.00, a Villa Gordiani e una signora di 90 anni, travolta da un’auto nei pressi del Quartiere Africano. oggi due pedoni morti quarto incidente in una settimana

Il primo, Michele Nicolosi, nato a Palermo, è morto sul colpo dopo essere stato colpito da un furgone all’altezza dell’incrocio tra viale della Serenissima e viale della Venezia Giulia. Inutili i soccorsi, a causa delle gravi ferite riportate. Il conducente del furgone, in evidente stato di shock, ha prestato i primi soccorsi.
Quasi in contemporanea è avvenuto l’altro incidente che ha coinvolto una signora di 90 anni al Quartiere Africano. L’anziana è morta sul colpo, sbattendo con violenza la testa, dopo essere stata investita da un’auto all’incrocio tra viale Eritrea e via Lucrino. La signora, Maria Vita, camminava sulle strisce pedonali, purtroppo, anche in questo caso, i soccorsi si sono rivelati inutili. Coinvolta nell’incidente anche una giovane donna di 40 anni, che ha riportato lievi ferite ed è stata trasportata all’ospedale Sandro Pertini.
Due morti, questi di oggi, che si sommano a quanto accaduto martedì scorso in zona Garbatella, quando Roberto Spezi ha perso la vita, travolto da un camion in via Pellegrino Matteucci e due donne sono state ferite in modo grave in via di Torrevecchia: una signora di 62 anni e una ragazza motociclista di 23 anni, entrambe trasportate in gravi condizioni all’ospedale. oggi due pedoni morti quarto incidente in una settimana

Lascia un commento

commenti