Olgiata, sequestrate ville e patrimonio da capogiro a imprenditore romano

All’Olgiata, nell’isola residenziale di Roma Nord, la guardia di Finanza ha sequestrato tre ville. Ma è una piccola parte dell’immenso patrimonio del’imprenditore Gabriele De Bono, già noto alle cronache per aver tentato la scalata al Cadice, squadra di calcio spagnola, assieme al figlio dell’ex patron del Perugia, Alessandro Gaucci. L’operazione risale a cinque anni fa, ma qualcosa andò storto e De Bono fini indagato dalla procura spagnola.

Secondo quanto riporta il GICO della Guardia di Finanza, sarebbe un veliero d’epoca di oltre cinquanta metri, il bene più prezioso sequestrato all’imprenditore. Un cutter inglese, giudicato come il più grande in circolazione e costruito negli anni Venti. Si tratterebbe dell’unico superstite dei mitici velieri big five, secondo quanto riporta il Corriere della Sera. Un restauro costato ben dieci milioni di dollari. Il sequestro del patrimonio è scattato al culmine di un’indagine partita nel 2015 che – secondo gli inquirenti – avrebbe smascherato una rete di società matrioska con base in paesi offshore e intestate a teste di legno, utili a nascondere milioni al fisco. L’uomo, secondo gli investigatori, avrebbe residenza a Dubai, dove ha ricoperto il ruolo di general manager dell’Mdc management, studio legale e fiscale.

Un patrimonio quello di De Bono che gli investigatori giudicano “sproporzionato”, poiché l’uomo risulterebbe “nulla tenente” e “privo di capacità reddituale”.

L’elenco dei beni posti a sequestro è sterminato: oltre al veliero, vero gioiello dei mari, e le tre ville con piscina dell’Olgiata,  figurano numerosissimi immobili: a Roma, Bracciano, Formello, sull’Argentario, in Sardegna e nel perugino. Quattro sarebbero le imbarcazioni, quasi quaranta automobili, tra cui una collezione di auto d’epoca con Ferrari, Bentley, Rolls Royce e Jaguar. E poi anche società di compravendita immobiliare, ristoranti a Roma, Toscana, Gran Bretagna, Isole Vergini e Seychelles. Quaranta milioni il valore stimato.

Lascia un commento

commenti