Ostia: i carabinieri di Acilia e di Fregene arrestano due stalker

Gli stalker erano un cittadino romeno di 49 anni operaio e un pregiudicato romano, accusati entrambi di atti persecutori nei confronti delle loro ex

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Stazione di Roma ad Acilia  hanno arrestato un cittadino romeno, di 49 anni, operaio, con l’accusa di atti persecutori, nei confronti della ex compagna. L’uomo per l’ennesima volta, come aveva fatto già in altre circostanze, si è recato nei pressi del posto di lavoro della donna, una connazionale, che lavora con mansioni di collaboratrice domestica e badante presso una famiglia ad Acilia. La donna al termine del lavoro si è imbattuta con l’uomo che , vistasi braccata, è subito salita in auto nel tentativo di scappare alle sgradite “attenzioni” dell’uomo. Questi, però, non si è dato per vinto ed ha iniziato ad inseguire la donna in auto, tentando più volte di tamponarla lungo il tragitto per gettarla fuori strada.

La corsa si è conclusa dopo pochi isolati: la vittima è riuscita a raggiungere la vicina Stazione Carabinieri di Roma Acilia, dove ha raccontato l’accaduto ai militari, riferendo loro di una serie di violenze e maltrattamenti verificatisi già nel corso della loro difficile convivenza, che l’avevano poi indotta a lasciare il bruto il quale, però, lungi dal desistere aveva continuato a perseguitarla. Peraltro, in fase d’accertamento, mentre i militari, ascoltavano la donna e l’uomo era in sala d’attesa, ha continuato ad inviare messaggi minacciosi alla vittima: ai suoi polsi sono quindi scattate subito le manette. I Carabinieri, poi, hanno riscontrato le violenze raccontate dalla sventurata acquisendo certificati medici di precedenti circostanze in cui, pur rimanendo vittima di violenze, la stessa non aveva inteso sporgere denuncia e ascoltando i vicini e i datori di lavoro, che hanno integralmente confermato il tumultuoso rapporto.

Il reo è stato associato presso il carcere di Regina Coeli e, all’esito della convalida dell’arresto nella mattinata di mercoledì, gli è stata confermata la custodia cautelare in carcere.

A Fiumicino invece i militari della Stazione Carabinieri di Fregene hanno arrestato un pregiudicato romano, di 54 anni, per atti persecutori.

Come già accaduto più volte di recente, l’uomo, nella tarda serata di sabato, si era presentato ancora una volta ubriaco presso l’abitazione della vittima, una 51enne romana, con la quale aveva avuto una relazione sentimentale ormai da tempo conclusasi proprio per le continue molestie protrattesi nei confronti della malcapitata. La sua immediata chiamata al 112 ha permesso ad una pattuglia di intervenire in breve tempo, sorprendendo l’uomo ancora fuori dall’abitazione che, nonostante la presenza dei militari, ha continuato ad inveire e minacciare la donna e, quindi, è stato tratto in arresto.

Lo stalker è stato accompagnato presso il carcere di Civitavecchia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, dove è rimasto sino a mercoledì allorché, all’esito della convalida, è stato scarcerato con la misura cautelare del divieto di avvicinamento a meno di 700 metri dalla vittima.

Lascia un commento

commenti