Piano freddo: stazioni metro aperte la notte per ospitare i senza fissa dimora

In previsione dell'abbassamento delle temperature nei prossimi giorni il Campidoglio ha potenziato il Piano Freddo disponendo l'apertura delle stazioni metro per accogliere i senza fissa dimora. Anche alcune sedi municipali offriranno accoglienza notturna per i biosognosi

In considerazione dell’abbassamento delle temperature il Campidoglio ha deciso di potenziare il Piano Freddo ampliando l’assistenza ai senza fissa dimora e garantendo anche l’apertura durante la notte di diverse stazioni della metropolitana di Roma. Da oggi, 5 gennaio, restano infatti aperte le stazioni metro di Flaminio, Piramide FS e Vittorio Emanuele (dalle 24 alle 5 da domenica a giovedì e dall’ 1.30 alle 5 il venerdì e il sabato).

Il Campidoglio fa sapere, inoltre, di aver inoltrato la richiesta alla Regione Lazio per la preventiva autorizzazione circa l’apertura anche della stazione Ostia-Stella Polare (dalle 24 alle 5 da domenica a venerdì e il sabato dall’1 alle 5).

Le associazioni di volontariato presenti sul territorio assicureranno l’ascolto, la distribuzione di coperte e di generi di conforto (bevande calde e piccoli snack), mentre la Sala Operativa Sociale di Roma Capitale sarà presente per garantire passaggi notturni, eventuali servizi di accompagno, report informativi e – nel caso in cui fosse necessario – anche la distribuzione di ulteriori coperte.

“Sono state messe in campo nuove azioni che ci hanno permesso di ampliare il numero di posti per il Piano Freddo”, ha dichiarato Laura Baldassarre, Assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale di Roma Capitale.

“Siamo riusciti a potenziare gli interventi diurni portando da 100 a 175 i posti disponibili in H9 (sosta prolungata nell’arco della giornata: mensa, segretariato sociale, servizio doccia) e da 180 a 200 quelli in H4 (servizio ‘sollievo’: doccia, cambio abiti, consumazione bevande calde e snack). A fine dicembre, inoltre, si sono concluse le due gare per l’assegnazione di posti ulteriori: la prima, scaduta il 23 dicembre scorso, sta garantendo 57 posti in H15 (per un totale di 97), mentre l’altra – della quale attendiamo nei prossimi giorni la conclusione della procedura – garantirà 50 posti in H24 presso la struttura del S. Michele (per un totale di 80)”, ha aggiunto.

“Stiamo lavorando affinché, in una città complessa come la nostra, si arrivi a tutelare i senza dimora nel miglior modo possibile. E per far sì che l’intera città si prenda cura di queste fragilità, Istituzioni e terzo settore dovranno procedere in sinergia verso una seria programmazione in modo tale che ognuno possa dare il proprio contributo”, ha concluso Baldassarre.

Anche i Municipi hanno risposto alla necessità di far fronte all’emergenza freddo: il VII offre accoglienza notturna per un totale di 24 posti. il IX Municipio ne garantirà 45.

 

 

Lascia un commento

commenti