Piazza dei Navigatori, opere pubbliche per 30 milioni di euro

La Giunta ha approvato una delibera per garantire 30 milioni di euro per opere pubbliche nell'area di Piazza dei Navigatori

Garantire 30 milioni di euro per opere pubbliche nell’area di piazza dei Navigatori e viale Giustiniano Imperatore, oltre al rispetto degli accordi sottoscritti a tutela dell’interesse pubblico e di un equilibrato sviluppo urbano. Questo l’obiettivo della delibera approvata dalla Giunta Capitolina, proposta dall’Assessorato all’Urbanistica e Infrastrutture e dall’Assessorato al Bilancio e Patrimonio, che riguarda il “Piano di assetto e di riqualificazione urbana degli ambiti di piazza dei Navigatori e viale Giustiniano Imperatore”.

La Giunta interviene in vista della scadenza della convenzione urbanistica tra Roma Capitale e le società proponenti, senza che queste ultime abbiano portato a termine le opere pubbliche previste. Il provvedimento approvato oggi le obbliga a sottoscrivere entro sei mesi una serie di atti per adempiere agli obblighi previsti nella convenzione urbanistica. Da un lato si garantisce la realizzazione di una parte delle opere previste nel quadrante (per circa 14 milioni di euro) e, dall’altro, il pagamento in denaro della parte di opere che non saranno realizzate (i restanti 16 milioni di euro). Inoltre la delibera dà mandato agli uffici competenti di avviare il procedimento per la progettazione delle opere di urbanizzazione ineludibili per la sostenibilità urbanistica dell’intero ambito convenzionale.

“A seguito di una vicenda lunga e complessa, siamo giunti a un accordo che permette di recuperare un importo complessivo pari a oltre 30 milioni di euro – spiega l’assessore all’Urbanistica e Infrastrutture, Luca Montuori – che altrimenti l’amministrazione capitolina avrebbe rischiato di perdere. Il percorso prevede, attraverso un atto già allegato alla presente delibera, che le società che avevano stipulato le precedenti convenzioni si impegnino a sottoscrivere entro sei mesi una nuova convenzione che definirà nel dettaglio le modalità di realizzazione delle opere necessarie”.

“Oltre al completamento delle opere di urbanizzazione strettamente necessarie – precisa l’assessore al Bilancio e Patrimonio, Andrea Mazzillo – viene così imposto ai proponenti il versamento a Roma Capitale di 16 milioni di euro per quelle che non potranno più realizzare: tali somme saranno vincolate dall’amministrazione alla riqualificazione di quella stessa area, che verrà così dotata di tutte le infrastrutture urbane di cui ha bisogno. Questo avverrà attraverso un percorso partecipato che terrà conto anche delle mutate esigenze del territorio”. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti