Ponte Mammolo: tenta di rapinare hotel ma i dipendenti lo bloccano

Un ragazzo di 23 anni romano con precedenti e già sottoposto agli arresti domiciliari è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma con le accuse di rapina aggravata ed evasione

Nella serata di ieri, un 23enne romano con precedenti e già sottoposto agli arresti domiciliari è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma con le accuse di rapina aggravata ed evasione.

Il ragazzo si è allontanato dall’abitazione, dove stava scontando la sua pena, per mettere a segno una rapina in un hotel di via di Ponte Mammolo. Dopo aver fatto irruzione nella hall dell’albergo, il rapinatore si è diretto alla reception, e sotto la minaccia di un coltello da cucina, ha intimato ai tre dipendenti in turno di consegnargli l’incasso.

Le vittime si sono fatte coraggio e hanno reagito al tentativo di rapina, dando inizio ad una violenta colluttazione con il 23enne a seguito della quale sono riusciti ad immobilizzarlo. Subito dopo i dipendenti dell’albergo hanno chiamato il 112 e all’arrivo delle pattuglie del Nucleo Radiomobile di Roma hanno consegnato ai militari il malvivente.

I tre impiegati sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari del Policlinico Umberto I a causa delle lesioni riportate durante la colluttazione: ne avranno rispettivamente per tre, sette e otto giorni. L’uomo e’ stato trattenuto in caserma in attesa di essere sottoposto al rito direttissimo.

 

Lascia un commento

commenti