Ponte Milvio, no alla proroga per i locali: via tavolini e dehors

Il rifiuto della proroga aprirà una fase di incertezza anche per i lavoratori dei locali del Municipio XV, in conseguenza delle minori entrate.

Il Municipio XV ha rifiutato la richiesta di proroga presentata dal PD in merito alla presenza sul suolo pubblico di tavolini e dehors appartenenti alle attività commerciali di Ponte Milvio.

Già diverse settimane fa il Municipio aveva dichiarato l’intenzione di non rinnovare le autorizzazioni ai locali, dal momento che tavolini e dehors occupano attualmente un’ingente porzione di terreno all’interno della Città Storica. Per sapere quali saranno gli spazi a disposizione delle attività bisogna attendere il parere della Sovrintendenza Archeologica, alla quale nei giorni scorsi è stato inviato il Piano di Massima Occupabilità redatto dalla Commissione Tecnica del Municipio XV. Fino a tale momento, gli esercenti saranno tenuti a rimuovere tutti gli arredi esterni. Il termine entro il quale tali operazioni dovranno essere svolte è il 31 dicembre 2016.

La richiesta di proroga dell’autorizzazione

Il 21 dicembre il Partito Democratico aveva richiesto la proroga dell’autorizzazione fino all’approvazione del Piano, sul quale “l’attuale maggioranza aveva già dato certezza”, ricorda il capogruppo PD Daniele Torquati. La proposta però non è stata discussa, non essendo stata inserita nell’ordine del giorno della Giunta Simonelli. Le attività commerciali di Ponte Milvio si preparano a una fase di incertezza economica, che potrebbe portare a conseguenze negative tanto sul piano economico tanto su quello occupazionale.

Le critiche all’Amministrazione

Critiche alla Giunta sono arrivate anche dal centrodestra della Lista Marchini, che si è espressa tramite il capogruppo Giuseppe Mocci dichiarandosi preoccupata per i possibili licenziamenti e per gli esercenti della zona. Mocci denuncia: “ma possibile che in un momento storico di crisi non si pensi ai danni di un atto del genere?”.

Torquati ha puntato il dito anche contro l’Assessora al Commercio del Municipio XV, Alessia Vivaldi, che avrebbe parlato di irregolarità attuate dai commercianti di Ponte Milvio nei giorni scorsi. “Un’accusa sgradevole che non circostanzia i fatti e getta fango sull’operato della scorsa Amministrazione, che ha avuto solo la ‘colpa’ di prendersi le responsabilità in situazioni difficili e complicate, cercando la risoluzione del problema”, ha dichiarato il capogruppo.

Lascia un commento

commenti