Ponte Milvio, retata nei locali della Movida: 15 denunciati

Operazione nei luoghi della Movida. 15 persone denunciate a piede libero. Sanzionati 11 esercizi: carenze igienico sanitarie, lavoro nero, mancato versamento a SIAE e occupazioni di suolo pubblico. Fermati giovani per abuso di alcol e detenzione di droghe

(L’UNICO) Dalla serata di ieri e per tutta la notte, i Carabinieri della Compagnia Roma Trionfale e della Stazione Roma Ponte Milvio, supportati da Carabinieri del N.A.S., del Nucleo Ispettorato del Lavoro e delle unità cinofile di Ponte Galeria, e con la partecipazione di personale dell’A.R.P.A. Lazio e della S.I.A.E., hanno eseguito un’operazione straordinaria di controllo nei luoghi della Movida di Ponte Milvio.

L’attività è stata svolta al fine di garantire un sano divertimento a tutti i frequentatori della zona, verificare il rispetto delle regole e, laddove necessario, contrastare di ogni eventuale forma di illegalità o di degrado.

25 LOCALI CONTROLLATI, 11 MULTATI

Sono stati 25 gli esercizi commerciali controllati dai Carabinieri, 11 dei quali sono stati sanzionati amministrativamente per complessivi 32.000 euro. In particolare, in un noto ristorante della zona, i Carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro hanno constatato che 10 dei 20 lavoratori impiegati non risultavano dalla documentazione obbligatoria.

In altri 4 tra ristoranti e bar i Carabinieri del N.A.S. di Roma hanno riscontrato numerose carenze in materia di igiene e, in un caso, il mancato possesso della documentazione attestante le informazioni sulla catena alimentare di 26 Kg di ravioli e prodotti contenenti carne, alimenti che sono stati sequestrati. Per i titolari di due pub e un ristorante – pizzeria sono scattate le sanzioni previste per la violazione del regolamento sull’occupazione del suolo pubblico, per aver posizionato tavoli e sedie al di fuori dello spazio autorizzato dall’atto di concessione.

SIAE, OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO E LAVORO NERO

All’operazione, come detto, ha partecipato anche il personale della S.I.A.E. – Sede Interregionale di Roma – che hanno sanzionato i titolari e i responsabili legali di 2 ristoranti e di un bar per aver omesso il pagamento dell’equo compenso previsto nonostante diffondessero nei loro esercizi commerciali musica con altoparlanti.

MUSICA TROPPO ALTA E RAGAZZI UBRIACHI

n questo contesto, hanno agito anche i tecnici dell’A.R.P.A. Lazio che, a seguito di ripetute rilevazioni fonometriche, hanno contestato valori di emissioni sonore superiori al limite previsto, sanzionando 7 tra bar, pub e tabaccherie. Nei confronti dei rispettivi responsabili sono scattate le denunce a piede libero per disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone. Nel corso delle attività, i Carabinieri hanno denunciato a piede libero per guida in stato di ebbrezza 4 persone, tutti romani di età compresa tra i 23 e i 41 anni.

DROGA E ALCOL

Altri due giovani di 17 e 21 anni, entrambi già conosciuti alle forze dell’ordine, sono stati, invece, sorpresi in possesso di decine di dosi di hashish e marijuana, motivo per cui sono stati denunciati a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Un 53enne proveniente da Napoli, con precedenti, è stato denunciato per possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli mentre un romano di 22 anni, trovato con un coltello a farfalla, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per porto abusivo di armi.

Altri 9 ragazzi, “pizzicati” con modiche quantità di stupefacenti, sono stati segnalati all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntori di droghe. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti