Raggi indagata, Grillo la difende: “Ha adempiuto tutti i doveri”

Grillo commenta sul suo blog l'avviso di garanzia ricevuto da Virginia Raggi: "Ha adempiuto ai doveri indicati dal nostro codice etico. Le sono vicino in questo momento difficile". Nel post, Grillo accusa anche il Corriere della Sera di avere inventato la notizia di una furiosa telefonata tra Grillo e Raggi

“Virginia Raggi ha adempiuto ai doveri indicati dal nostro codice etico, che peraltro è stato da poco elogiato pubblicamente dal procuratore Nino Di Matteo, informando tempestivamente il Movimento e i cittadini dell’invito a comparire che ha ricevuto l’altro giorno”. Così ha scritto Beppe Grillo sul suo blog dopo la notizia dell’avviso di garanzia ricevuto dalla sindaca Virginia Raggi, aggiungendo che la prima cittadina “è serena e io non posso che esserle vicino in un momento che umanamente capisco essere molto difficile”.

E stamattina Virginia Raggi era presente all’inaugurazione dell’anno giudiziario alla Corte di Cassazione. “C’è un’indagine in corso – ha detto ai giornalisti –. Secondo voi devo rispondere ai giornalisti o alla procura? Secondo me alla Procura. Io e i miei avvocati comunque siamo tranquilli”. Inoltre la sindaca ha precisato: “Ci sono delle regole, non lo decido io” e, riguardo al paventato giudizio immediato, ha aggiunto: “La Procura sta ancora indagando, mi ha chiamato per sentirmi ed è poco serio mettere in bocca alla Procura cose che non ha mai detto, queste ricostruzioni sono solo giornalistiche, non credo siano vere. Mi hanno chiamato, andrò a rispondere. Sarà la Procura a decidere”. E aggiunge, ironicamente: “Mi immagino che tra un po’ diranno che ho anche ucciso qualcuno”. Infine, dichiara che la possibilità di autosospendersi sia “un’ipotesi irreale”. Raggi ha poi parlato dei rapporti con il leader del movimento. “Come vanno i rapporti con Grillo? Benissimo”, ha risposto la sindaca, invitando a leggere il post sul blog grillino e dichiarando solo giornalistiche le ricostruzioni di scontri tra lei e Beppe Grillo.

Nel post, infatti, Grillo attacca il “Corriere della Sera” per l’articolo pubblicato oggi in cui si parla di una furiosa lite tra lui e la prima cittadina romana. “Quei giornalisti sono molto male informati o volutamente disinformati – scrive Grillo –. La ricostruzione della telefonata è totalmente falsa, nonché ridicola. Altro che post verità, siamo arrivati alla fantanotizia, alla fake news come sistema. Mi dispiace per i lettori di questo giornale, che continuano a spendere soldi per ricevere notizie finte e inventate”. “Che senso ha spendere soldi per essere presi in giro – aggiunge Grillo –? Valuterò con i miei avvocati l’ipotesi di una querela e pretendo un’immediata rettifica via web”. E sarà lui stesso a twittare poco tempo dopo: “A tre ore dalla mia smentita il #FakeCorriere non ha ancora pubblicato rettifica. Lettori del Corriere, non vi sentite presi in giro?”. Post ritwittato anche dalla sindaca Raggi. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti