Raggi querela presidente AssoTutela. Maritato: “Denuncia con soldi dei cittadini?”

"Raggi dica ai cittadini romani se la denuncia nei miei riguardi verrà pagata con i suoi soldi o con quelli dei romani" dichiara Maritato

“Il sindaco di Roma Virginia Raggi mi ha querelato per calunnie e diffamazione di materiale che la inchioda”. A rivelarlo in queste ore è Michel Maritato, presidente di AssoTutela, storica associazione che difende le istanze e i diritti delle famiglie e denuncia quotidianamente le criticità di vivibilità nel territorio capitolino e regionale.

Michel Maritato si mostra molto tranquillo, sicuro di essersi sempre rivolto alla sindaca Virginia Raggi senza mai varcare i confini della legge e, soprattutto, parlando con le carte in mano.

Sulla questione il presidente di AssoTutela sottolinea: “Sono meravigliato ma anche molto orgoglioso che la Raggi tenga così in considerazione quello che dico. Vuol dire che ci sente, pur non rispondendo direttamente ai quesiti che giornalmente le pongo sulla sua attività di governo: la Raggi evidentemente preferisce rispondermi, rivolgendosi a un giudice di tribunale. Sono convinto che le accuse di calunnia e diffamazione nei miei confronti cadranno nel vuoto.”

“In tutti i modi, al processo ne vedremo delle belle. Se la querela è un modo per intimorirmi? La prima cittadina sappia che ha davvero preso un granchio” – continua Maritato, che poi passa al contrattacco: “Se è così onesta come dice di essere, Virginia Raggi dica ai cittadini romani se la denuncia nei miei riguardi verrà pagata con i suoi soldi o con quelli dei romani. Renda pubblica la documentazione relativa alla parcella degli avvocati. Se è trasparente come crede, la sindaca della Capitale non avrà sicuramente problemi a farlo”, conclude. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti