Ricercato da un mese, fermato autore di rapina a stazione Termini

Il malvivente è stato individuato e bloccato dalla Polizia di Stato con il supporto dell'Esercito, nell'ambito delle operazione "Strade Sicure"

Era ricercato da un mese, per una rapina, ed è stato bloccato dalla Polizia di Stato con il supporto dell’Esercito Italiano nell’abito dell’operazione ‘Strade Sicure’. Si tratta di un giovane di 21 anni, egiziano, che è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto. I suoi tre complici erano stati individuati e bloccati poche ore dopo aver commesso il fatto, lo scorso 30 gennaio, quando un ragazzo venne rapinato del portafoglio in via Daniele Manin, nei pressi della stazione Termini.

Nella circostanza, grazie alle immediate ricerche degli autori, descritti dalla vittima, gli agenti del commissariato Viminale riuscirono ad intercettare 3 dei 4 responsabili, tutti egiziani. Uno venne arrestato quale autore materiale della rapina, mentre altri due denunciati, tra cui un minorenne. Il quarto, mancante all’appello, era riuscito a far perdere le sue tracce.

Le indagini degli investigatori del commissariato, diretto da Giovanna Petrocca, sono proseguite con l’inserimento della descrizione del giovane, ed altri dati investigativi emersi dalla vicenda, nella banca dati delle forze di Polizia. Proprio ieri alla fermata metro di Furio Camillo, due militari dell’Esercito in servizio di vigilanza, lo hanno fermato per un controllo. Senza documenti, il giovane ha fornito un nome, poi verificato essere falso, dal quale poi si è risaliti alla sua vera identità.

La sala operativa della Questura ha infatti avvisato gli investigatori del commissariato Viminale che erano sulle sue tracce. Accompagnato negli uffici di Polizia è stato identificato per S.M.A.S., egiziano con precedenti penali. Dovrà rispondere di rapina in concorso.

Lascia un commento

commenti