Risorse romane: dal nigeriano con due chili di eroina nella pancia, alla cubana che picchia “nonno”

A Fregene un rumeno ha palpeggiato una ragazza che lavora al bar sulla spiaggia, e un connazionale ha preso a sprangate delle autovetture in sosta al supermarket

4
Riccardo Corsetto – Segr. Sez. Lega Ponte Milvio

a cura di Riccardo Corsetto, Segretario Sez. Lega Ponte Milvio

I Carabinieri della Compagnia Aeroporti di Roma hanno arrestato in flagranza di reato un cittadino nigeriano di 39 anni per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope. Lo straniero, giunto all’alba al Leonardo da Vinci con un volo da Addis Abeba, è stato notato dai militari per l’atteggiamento visibilmente nervoso assunto a seguito del controllo dei documenti ed è stato quindi condotto presso il pronto soccorso dell’ospedale “Grassi” di Ostia per essere sottoposto ad approfonditi esami radiografici. È stato così appurato che il nigeriano aveva ingerito un numero imprecisato di ovuli. Al fine di consentirgli di evacuarli completamente, data la loro pericolosità, è stato trattenuto presso la struttura ospedaliera. I Carabinieri, al termine delle attività, hanno potuto accertare che l’uomo aveva ingerito 94 ovuli complessivi contenenti eroina, per un peso totale superiore ai 1.700 grammi. L’arrestato è stato poi dimesso e condotto presso la Casa Circondariale di Roma Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

NONNO PICCHIATO DALLA BADANTE CUBANA

La mattina dello scorso 30 giugno, i Carabinieri della Stazione Roma Ostia erano intervenuti in aiuto ad un anziano lidense che, profondamente scosso, chiedeva un sostegno per ciò che gli stava capitando. Nella denuncia, l’uomo, un 80enne pensionato, che ha premesso di essere stato vittima di numerosi maltrattamenti orditi dall’ex badante, 38enne cubana ad Ostia, con trascorsi penali alle spalle), per i quali quest’ultima era stata già sottoposta alla misura del divieto di avvicinamento ai luoghi da lui frequentati, ha riferito di essere stato nuovamente avvicinato dalla donna nella giornata precedente, bloccandolo e minacciandolo, impugnando una pistola, fino a farsi consegnare il denaro contante che aveva al seguito. I Carabinieri hanno fatto scattare un’articolata attività investigativa volta, da una parte ad individuare la donna raccogliendo gli eventuali elementi di colpevolezza nei suoi confronti, dall’altra a garantire – mediante una vigilanza riservata – la tutela della vittima, prevenendo altre possibili aggressioni. I numerosi riscontri ed elementi di prova raccolti dai Carabinieri nel corso delle indagini sono stati pienamente condivisi dal magistrato e hanno consentito l’emissione, nei confronti della rapinatrice, di un provvedimento che ne ha disposto l’immediata carcerazione. I Carabinieri hanno, quindi, rintracciato e arrestato la donna, traducendola presso la casa circondariale Rebibbia di Roma, e riportando un po’ di serenità nella vita dell’anziana vittima.

GIOVANE BARISTA A FREGENE, PALPEGGIATA DAL RUMENO

A Fregene, i Carabinieri della Stazione di Fregene sono intervenuti presso un bar del posto, dove una giovanissima barista era stata poco prima vittima di molestie e palpeggiamenti da parte di un avventore. I militari, al termine di una fulminea ed accurata attività investigativa, sono riusciti a identificare e rintracciare il responsabile: un cittadino romeno 45enne residente a Fiumicino che è stato arrestato e messo ai domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

ROMENO PIGLIA A SPRANGATE LE AUTO IN SOSTA AL SUPERMARKET

I Carabinieri della Stazione Roma Alessandrina hanno arrestato un cittadino romeno di 34 anni che aveva seminato il panico nel parcheggio di un supermercato in via di Torre Spaccata. In evidente stato di ubriachezza, impugnando una spranga in ferro, stava danneggiando le auto in sosta e quando sono arrivati i Carabinieri, chiamati da alcuni clienti, si è rifiutato di fornire i documenti, opponendo ferma resistenza e spintonandoli. Con l’ausilio di altre pattuglie i Carabinieri lo hanno definitivamente bloccato, arrestato e trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo. Sequestrata la spranga utilizzata per colpire le auto degli sfortunati clienti del supermercato.

Facebook Comments